Coppa Italia, Perugia-Triestina 1-0: le pagelle. Vicario sicuro, Fernandes imprendibile e Di Chiara...

Prestazione poco brillante dei grifoni, vittoriosi però al debutto ufficiale nel secondo turno andato in scena al Curi: decisivo il difensore Sgarbi, a segno nel primo tempo su assist di Iemmello, straripante il terzino tornato dal Benevento

VICARIO 6,5 Attento e concentrato, il suo primo intervento degno di nota al 33', quando si distende per bloccare l'insidioso rasoterra incrociato di Procacci. Sicuro e coraggioso nelle mischie e nelle uscite, fa il padrone nella sua area e dimostra così di aver già superato l'incertezza compiuta nell'amichevole con la Roma. Nella ripresa (68') sbarra la strada anche al nuovo entrato Ferretti.

ROSI 6 Rischia grosso al 16', quando Mensah gli va via sulla sua fascia e serve poi al centro Granoche che sbaglia però clamorosamente calciando a colpo sicuro ma fuori.

GYOMBER 6,5 Decisiva la scivolata con cui mura Granoche al 10' sullo 0-0. Dirige la difesa che rischia grosso solo in due occasioni, una per tempo: prima è ancora il 'Diablo' a calciare fuori tutto solo in area, poi nel finale è la prova di Ferretti. Lo slovacco però tiene compatto il reparto e 'sul pezzo' il giovane compagno Sgarbi.

SGARBI 6,5 Attento e concentrato nella prima parte di match, con la squadra un po' in difficoltà, è poi lui a mettere la strada in discesa al Grifo con il gol di petto su azione da corner al 28'. Anche nella ripresa gioca senza commettere sbavature e alla fine viene festeggiato come 'match-winner'

DI CHIARA 6,5 Tra i Grifoni più in forma dal punto di vista fisico, difende e spinge mettendo spesso in difficoltà la difesa ospite con i suoi cross mancini. Nella ripresa moltiplica i suoi affondi e sfiora poi la rete con una splendida punizione a giro di sinistro su cui il portiere ospite Offredi compie un 'miracolo' togliendogli la palla dall'incrocio.

FALZERANO 6 Agonismo e sostanza per il fantasista che Oddo, come Nesta, sta adattando mezzala. Qualche errore ma tanta corsa e ritmo, ma una prova positiva.

CARRARO 6 Dirige l'orchestra con precisione e si fa sentire anche in fase d'interdizione ma nella ripresa (76') rischia di fare 'harakiri' con un retropassaggio suicida, che per fortuna Costantino non sfrutta come avrebbe potuto.

DRAGOMIR 6 Non è ancora il Dragomir della passata stagione, ma quando si accende dà l'impressione sempre di poter creare qualcosa di speciale. Nel primo tempo prova anche invano la rete in acrobazia (dal 29'st RANOCCHIA SV Personalità e tecnica per il baby juventino, lanciato nella mischia nell'ultimo quarto d'ora di gara)

FERNANDES 6,5 Tra i migliori anche nel faticoso avvio del Grifo, fa impazzire Formiconi che lo marca con scatti e sterzate continue. È poi lui a conquistarsi la punizione da cui nasce l'angolo che porta al vantaggio, calciato – guarda un po' – proprio dallo spagnolo. Nella ripresa il copione non cambia ma nel finale, toccato duro, è costretto a uscire (dal 39'st KOUAN SV Muscoli e sostanza a servizio della causa nel momento più 'caldo' della gara)

CAPONE 6 Nella prima fase del match va un po' a sprazzi mostrando comunque i suoi colpi, viene spesso tccato duro dai difensori e dai centrocampisti avversari. Nella ripresa affina la sua sintonia con Di Chiara, mettendosi soprattutto al servizio del più pimpante 'compagno di corsia'. Per poco nel finale non trova un assist di tacco per Melchiorri.

IEMMELLO 6 Soffre un po' di isolamento all'inizio, quando però continua a lottare e cerca di aiutare i compagni anche in fase di non possesso. Poi al 28' ci mette la testa sul corner battuto di Fernandes e regala così l'assist dell'1-0 a Sgarbi, dimostrandosi decisivo anche in una serata senza tante palle gol. L'unica, nella ripresa (21', la spreca per eccesso di generosità cercando il passaggio a Fernandes invece che calciare in porta. (dal 22'st MELCHIORRI6 Corre e si sacrifica per portare a casa il risultato insieme ai compagni)

ALL. ODDO 6 Porta a casa successo e qualificazione al primo impegno ufficiale, ma il suo Grifo - ancora in campo con il 4-3-2-1 - fatica contro una squadra di categoria inferiore (Serie C). Le idee ci sono anche se la manovra biancorossa è parsa ancora macchinosa e il suo Grifo – oltre ad alcune combinazioni interessanti – dimostra anche grinta e capacità di soffrire.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento