menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grifo, Bisoli non si dà per vinto: "La squadra ha reagito, dobbiamo tornare al successo"

In conferenza stampa il tecnico biancorosso si è detto preoccupato per le troppe ingenuità commesse da alcuni giocatori, ma ha anche confermato che il gruppo ha reagito e continuerà a lottare

Bisoli ne è convinto, il Perugia può uscire dalla brutta situazione in cui si è cacciato e deve ripartire dalla reazione messa in mostra con l’Entella. In conferenza stampa l’allenatore di Porretta Terme parla subito dei convocati e del morale della squadra: “Taddei è recuperato e sarà convocato, così come Della Rocca e Belmonte, che a Chiavari erano squalificati. Il morale non è dei più alti, dobbiamo essere bravi a tirarci fuori dal pantano. Sabato la prestazione c’è stata, avevamo ottenuto un risultato positivo, poi alla prima ingenuità che commettiamo veniamo puniti. Non si può concedere un rigore al 93’, ma purtroppo questa è un po’ la nostra stagione”.

Obiettivo salvezza – Per il tecnico ora l’obiettivo è “puntare alla salvezza, rimarremo compatti e ci daremo da fare. Bisogna mettere da parte le delusioni e domani giocheremo una sfida vitale per muovere questa classifica”. I primi istanti di gioco con l’Entella, però, sono stati da incubo: “La tensione nei primi 10 minuti di Chiavari era comprensibile, era stata una settimana complicata, anche se non pensavo di prendere gol su palla inattiva. La reazione c’è stata, quindi vuol dire che i ragazzi hanno carattere. Il calcio è fatto anche di momenti brutti, dobbiamo essere bravi ad uscirne. In un mese – prosegue Bisoli – abbiamo bruciato il buon lavoro fatto nel girone d’andata, adesso è necessario andare a cercare l’episodio positivo per svoltare la stagione”.

Fatica e ingenuità – Bisoli è comunque più tranquillo rispetto a sette giorni fa: “La preoccupazione ce l’avevo dopo la sfida con il Trapani, mentre con l’Entella ho visto che la squadra c'è. Prcic ha commesso degli errori di disattenzione, ma sia a Cesena sia a Chiavari aveva fatto delle ottime prestazioni. La squadra è consapevole della situazione, ora dobbiamo tirarcene fuori”. “Personalmente – aggiunge il tecnico – sono preoccupato solo per le ingenuità, questa è un’annata storta. Fino al girone d’andata siamo rimasti fuori dai problemi, ora ci siamo ma non voglio impantanarmi completamente”.

Atteggiamento e scelte – In un periodo così complicato, l’allenatore non vuol sentir parlare di scuse: “Aguirre, Molina e Spinazzola sono usciti affaticati dalla partita, ma non abbiamo molti ricambi in quei ruoli, quindi anche se hanno qualche dolore lo dovranno sopportare. Zebli? Chi sbaglia atteggiamento rimane fuori, non c’è niente da spiegare. E’ convocato e dovrà conquistarsi il posto da titolare”. Sugli acciaccati: “Taddei e Bianchi andranno in panchina. La punta ha avuto una piccola ricaduta dell’infortunio alla caviglia, ma non  voglio piangermi addosso. Mancini? Mi è piaciuto molto, sabato ha fatto una grande partita”. E su Zapata: “Non regge i 90 minuti. Se lo vedete in allenamento è straordinario, ma soffre l’ansia da prestazione”.

Tifosi e presidente – Bisoli lancia un appello ai tifosi: “Chiedo alla gente di starci vicino, come ha sempre fatto fino ad oggi, e domani, se ci dovranno fischiare, ci fischieranno. Ma speriamo di no. Ora dobbiamo essere tutti uniti per arrivare alla salvezza. So che è una parola brutta da dire ma è così”. Ieri era il compleanno di Massimiliano Santopadre, che ha comunque deciso di trascorrere alcune ore insieme al gruppo: “Il presidente è stato molto carino, per lui il Grifo è una famiglia. Ho recepito delle sensazioni positive, non tutte le società si sarebbero comportate come il Perugia. Domani dobbiamo fare un regalo a lui, a noi stessi e a tutto il pubblico”.

L’avversario – Con il Latina “sarà uno scontro diretto per la salvezza. Vincere sarebbe fondamentale per la classifica e per preparare con più calma il derby. Domani vedrete lo stesso Perugia di Chiavari, tolti i primi 10 minuti. Tatticamente? Il modulo resterà il 4-3-3”. I pontini hanno appena esonerato Somma: “Il cambio del tecnico a volte può portare una ventata di novità, altre volte può essere dannoso. La scossa l’ha avuta anche il Perugia con le mie dimissioni, ora bisogna proseguire. Non so cosa il Latina possa aver guadagnato da questa mossa, io ho preparato la squadra pensando sia al modo di giocare di Somma, sia a quello del nuovo allenatore”. “Di sicuro – chiosa Bisoli – questa squadra può vincere o perdere contro chiunque, dipende solo da noi stessi. Siamo noi a dover spostare l’ago della bilancia. Lo 0-0 con lo Spezia era da prendere con entusiasmo, invece ci siamo lamentati tanto. Basta andare dietro agli avversari, torniamo a pensare a noi stessi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento