menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grifo nel caos, i tifosi non assolvono nessuno. Il 'tribunale' dei social: "Tutti colpevoli"

Sul banco degli imputati il presidente Santopadre, il diesse Goretti, la squadra ma anche il tecnico perugino appena esonerato, al quale vengono però riconosciute delle 'attenuanti'

Tutti colpevoli, nessuno assolto. Questo il verdetto del 'tribunale' dei social, dove i tifosi - almeno la maggior parte - sui vari gruppi social dedicati al Perugia condedono però almeno le attenuanti a un mito della storia biancorossa come Serse Cosmi, esonerato a tre giornate dalla fine della regulas-season di Serie B, con la squadra scivolata in zona playout e il Grifo nel caos in quella che qualcuno definisce "il festival delle assurdità".

"Sempre a testa alta" è la frase dedicata al tecnico perugino dall'ex capitano Giovanni Tedesco che viene rilanciata da molti, come c'è chi lo ringrazia comunque: "Ciao Serse, sono sicuro che almeno tu il massimo l’hai dato... ". Non tutti però tutti seguono il cuore e i sentimenti: "Con Oddo eri in zona playoff, piccolo particolare" afferma un tifoso, spalleggiato da altri: "Esatto: ognuno può pensarla come crede. poi ci sono i fatti: Oddo ha lasciato la squadra all'ottavo posto, Cosmi al quindicesimo". All'allenatore ponteggiano qualcuno rimproverà poi il post ("Tacere è il mio ennesimo atto d'amore") pubblicato sul proprio profilo Instagram dopo l'esonero: "Le cose bisogna dirle subito e non dopo che ti hanno cacciato" scrive qualcuno, mentre qualcun altro esorta: "Non sono d'accordo Serse, devi parlare".

Grifo, 'parla' Cosmi dopo l'esonero: il messaggio su Instagram

Come dicevamo però a Cosmi vengono riconosciute diverse attenuanti, come il deludente mercato di gennaio. E qui viene tirato in ballo il direttore sportivo Roberto Goretti: "Senza la Serie A sarebbe una tragedia, disse quello che non ha fatto mercato a gennaio. E se retrocediamo cos'é?" si domanda un sostenitore biancorosso a cui fa eco un "Post quasi muto: acquisto di gennaio...'l fiolo di Barone", riferendosi al calciatore italo-americano (finito poi ko) arrivato a metà stagione insieme al fin qui deludente Rajkovic e a Benzar e Greco che hanno già salutato tutti andandosene via.

E se il 'j'accuse' dei tifosi del Grifo non può risparmiare la squadra ("Cosmi è stato cacciato dai giocatori prima ancora che dal presidente! Non meritava questo sfregio Serse!"), con i calciatori definiti con il sempreverde "mercenari", il più bersagliato dalla critica è Massimiliano Santopadre, 'rimproverato' per le recenti scuse agli arbitri ("Con Gaucci chiedevano scusa loro") e più in generale per la filosofia gestionale: "Non sono gli allenatori a fare la differenza ma le società - scrive un tifoso. C'è chi sa programmare e chi no. Mi dispiace molto per tutto ciò che sta succedendo nel Perugia. Spero che almeno si possa rimanere in B e che qualcuno bussi alla porta di Santopadre e questi lo ascolti. Ad oggi la penso così. In bocca al lupo Massimo e forza Grifo!!!".

GRIFONERIE Perugia, errori a catena. E Cosmi? Condannato solo da episodi

In una situazione surreale, con i proclami di Serie A e playoff ormai alle spalle e lo spettro della Serie C mai visto da così vicino in questi anni, c'è infine chi cerca di esorcizzare la paura con l'ironia e il sarcasmo: "Ma se ognun che ariva spacca lo spogliatoio, quanto glie costa ta Santopadre del muratori?". E ancora: "È colpa di BisolI" oppure "Io richiamavo Breda". E l'ansia in vista delle ultime tre sfide di campionato inizia a salire: "Non ci salva manco una chiavetta Usb" scrive un tifoso che poi ammette: "Sdrammatizziamo... da venerdì che sto col magone e manco magno quasi...".




 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento