Domenica, 14 Luglio 2024
Calcio

Mele e Mazzoleni dopo Brescia “promossi” in serie A

L’arbitro e il Var designati per Juve-Spezia, uno farà il quarto uomo, il varista confermato nel suo ruolo. Contro il Lecce tocca a Santoro, omonimo e concittadino del centrocampista del Grifo

Se aspettavamo un segnale inequivocabile da Rocchi, dopo il pasticcio di Brescia, eccolo arrivato bello e chiaro, almeno a prima vista: Miele e Mazzoleni non sono stati fermati, anzi faranno parte della squadra arbitrale designata per Juventus-Spezia. L’arbitro farà il quarto uomo, l’ex fischietto bergamasco, come sempre, il varista.

Dunque un assoluzione? Non proprio, almeno per l’arbitro. Miele è un 32enne emergente e dopo aver diretto una partita di cartello in B si ritrova “tra le panchine” in una partita di secondo piano. La stessa sorte era capitata a Serra, che dopo le polemiche successive a Milan-Spezia era finito al Var per Brescia-Ternana. E come si sa, il ruolo di “varista”è molto più importante di quello quasi “notarile” che spetta al quarto uomo.

Potremmo concludere che Miele è stato mandato a meditare a bordo campo, soprattutto per la sua direzione totalmente squilibrata a favore del Brescia (e Rocchi era in tribuna, dovrebbe avere visto bene), ma prima di dare giudizi definitivi aspettiamo di vedere cosa succederà nel prossimo turno.

Quanto a Mazzoleni, probabilmente Rocchi non intende fare a meno di uno dei suoi uomini più esperti, ma resta il piccolo mistero relativo a quei 35 secondi intercorsi tra il fischio di Miele per un presunto mani (o fallo di ostruzione?) di Matos, al minuto 93’43” e la fine della partita decretata al 94’18”. Da quello che si vede Miele non parla con nessuno all’auricolare, quindi si dovrebbe supporre che Mazzoleni ha rivisto tutto a tempo di record e ha detto all’arbitro qualcosa tipo “tutto ok”. Insomma Bertagnoli ha forse toccato col braccio, ma non aumentava il volume. Resta, purtroppo, l’impressione di un comportamento fin troppo esemplare da parte del Perugia, perché con un po’ di esperienza in più e qualche protesta di gruppo, anche vibrata (vedi Benevento sabato scorso) forse a Miele sarebbe venuto in mente di consultare il Var. Ma è una impressione.

Chiudiamo con la designazione di domenica prossima: toccherà ad Alberto Santoro, messinese come Simone Santoro, centrocampista del Grifo, che ha già arbitrato il Perugia a Parma.

Dovesse vincere il Perugia, a scanso di equivoci, sarà bene munirsi dei certificati di nascita e stati di famiglia dei due omonimi...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mele e Mazzoleni dopo Brescia “promossi” in serie A
PerugiaToday è in caricamento