Giovedì, 18 Luglio 2024
Calcio Pian di Massiano

Calcio Serie B, scatta la missione Brescia. Alvini: "Settimana complicata, ma l'entusiasmo non manca"

Domani i biancorossi affronteranno le rondinelle nel preliminare dei playoff con un solo risultato a disposizione. Il tecnico dimostra di credere ancora una volta nelle potenzialità dei suoi ragazzi

Un traguardo da molti in aspettato, ma non certo dalla squadra, è stato raggiunto e sta finalmente arrivando il tempo di giocarsela a pieno titolo. Il Perugia entrerà domani ufficialmente nella corsa alla serie A anche se l'ostacolo sarà di quelli duri: non tanto per l'avversario, dato che questo gruppo ha dimostrato a più riprese di giocarsela quantomeno alla pari con tutti, ma per il regolamento. I biancorossi affronteranno domani il Brescia al Rigamonti con l'obbligo di vincere visto il miglior piazzamento ottenuto dalle Rondinelle. 

La partita eroica contro il Monza ha lasciato in eredità qualche problema fisico di troppo, ma grande è l'entusiasmo che in queste circostanze può mascherare tutto. Quella di domani (ore 18) sarà una partita dunque destinata a sfuggire a tutti i pronostici e tutta da vivere.

Al termine della rifinitura ha parlato il tecnico Massimiliano Alvini.

I SENTIMENTI DELLA VIGILIA - Alvini apre parlando di come la squadra arriva all'appuntamento: "Con grande entusiasmo, che non è presunzione, arroganza, o leggerezza, ma consapevolezza di poter fare bene. Anche se la settimana è stata abbastanza complicata sotto certi punti di vista". Il motivo lo spiega di seguito: "Qualche strascico della precedente partita è rimasto, quindi abbiamo avuto qualche problema. Ma dico grazie allo staff per essere riuscito a rimettere a disposizione tutti".

PUNTI DI FORZA - "Cosa possiamo avere più delle altre? La qualità che ci ha portato a giocarsi questa serie A e cioè idee e l’organizzazione, cose che abbiamo sempre avuto".

IL MATCH PIU' IMPORTANTE? - "È una tappa di un percorso lungo. Quella di domani è affascinante ed è un piacere giocarla".

LA RICETTA - Alvini, tramite gli spareggi, ha portato la Reggiana dalla C alla B: "Qual'è il segreto? Fare di tutto per vincerli, non lasciando nulla al caso e curando i dettagli. Nel mio percorso c’è stato tante volte questo. Questi sono playoff ancora più significativi e affascinanti".

NESSUNO SGUARDO AL PASSATO - Tornando sul controverso match di campionato il tecnico dice che "fu una serata non positiva ma è tutto cancellato. Sarà un’altra partita e sono convinto vincerà chi sarà la migliore sul campo". 

SPERANZE - Affrontare un preliminare in trasferta può essere un vantaggio? "Abbiamo migliorato anche in casa ultimamente trovando un equilibrio. Domani ce la giocheremo, grande rispetto di loro, troveremo uno stadio caldo. Abbiamo una squadra di tutto rispetto, non c’è differenza tra giocare in casa e fuori. L’importante ed essere consapevole di ciò che possiamo fare".

LA CARICA DEL PRESIDENTE - Massimiliano Santopadre ha fatto capire di crederci più che mai: "È piacevole che esterni le sue sensazioni, non ci trovo nulla di male. È sempre vicino alla squadra".

PRONTA REAZIONE - I Grifoni hanno sempre risposto alla grande ad alcune battute d'arresto anche pesanti: "Il segreto? Cercare di cancellare gli errori e migliorarli, senza processarli. La sconfitta è un messaggio che arriva, ma nella vittoria trovo gli spunti per migliorare".

TUTTI CONVOCATI - "Partiamo tutti ma Rosi potrebbe non essere della partita. Valuteremo Lisi, Matos, che però probabilmente sarà a disposizione. Poi Dell’Orco. Ci sono delle situazioni da monitorare e vedremo domani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio Serie B, scatta la missione Brescia. Alvini: "Settimana complicata, ma l'entusiasmo non manca"
PerugiaToday è in caricamento