rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Calcio Pian di Massiano

Perugia, Sciurpa mette alle strette Santopadre: "Mi aspetto una chiamata entro pochi giorni. Se no..."

Il patron di Vitakraft, che ha manifestato interesse per l'acquisizione della società biancorossa, ha in pratica posto l'aut aut al fine di sbloccare la situazione di stallo che attualmente permane sulla questione: "Senza volontà non si conclude nulla"

L'accordo tra il Perugia ed Agenzia delle Entrare è oramai cosa fatta e ora la domanda che in tanti si fanno non può che essere la seguente: resterà al timone del club biancorosso l'attuale proprietà o ci sarà il tanto auspicato (da molti) passaggio di mano?

Non è ancora dato saperlo, ma la novità è che nel giro di pochi giorni la situazione potrebbe presentare alcune significative novità. Che possono andare sia in un senso, ovvero che Massimiliano Santopadre non cede e rilancia, vista la maggiore libertà di gestione, mercato a parte, che nell'altro, vale a dire che ci sono compratori pronti a subentrare.

L'unico davvero ad uscire allo scoperto è stato l'amministratore unico di Vitakraft Claudio Sciurpa, che ha incontrato il presidente uscente lo scorso 25 aprile con la promessa di tornare a parlarsi dopo i playoff. E ora la piazza attende risposte.

Lo stesso Sciurpa, intervenuto a "Parlando di Sport", la rubrica del TGR Umbria condotta da Luca Pisinicca, ha fatto il punto della situazione: "C'è uno stallo dovuto alla questione relativa all'iscrizione e Agenzia dellle Entrate. Sto aspettando che Santopadre ci contatti. Se lui vuole siamo pronti".

Il timore è che potrebbe non esserci la reale volontà di vendere dati anche i pochi giorni a disposizione: "E' una situazione difficile da capire. Solo il tempo ci darà ragione. E' ovvio che l'iscrizione deve essere portata a termine perchè fondamentale, poi vedremo cosa ci riserverà il futuro. Mi rendo conto che ci vorrebbe un salto di qualità che questa città merita".

Dovesse andare in porto la trattativa Sciurpa agirebbe così: "Ci sarà da fare un check up generale e rivedere un po' tutto. Dobbiamo vedere cosa va bene e cosa non va bene e poi porre i dovuti correttivi".

Sulle cifre: "Non siamo scesi nei particolari, ma abbiamo capito il palcoscenico in cui volevamo andare a parare. Da parte nostra c'è tutt'ora la disponibilità a trattare".

Infine, sulle tempistiche Sciurpa appare perentorio: "Quanto sono disposto ad attendere? Direi tre o quattro giorni. Sennò salta tutto? Penso di sì. Per fare le cose bisogna essere in due e ci deve la reale volontà di tutte le parti di portare avanti il discorso". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, Sciurpa mette alle strette Santopadre: "Mi aspetto una chiamata entro pochi giorni. Se no..."

PerugiaToday è in caricamento