rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Calcio

Perugia-Alessandria 1-1: al Grifo non basta De Luca, il Curi resta un 'tabù'

I biancorossi vanno in vantaggio ma si fanno riprendere subito da Prestia, senza poi riuscire a trovare il gol vittoria nella ripresa: rimandato l'appuntamento con la prima vittoria casalinga in campionato

Dopo l'impresa di Cremona nel turno infrasettimanale il Perugia trova il suo quarto risultato utile di fila ma non riesce ad andare al di là dell'1-1 con l'Alessandria, che festeggia così al Curi il primo punto del suo campionato. Si è fatta sentire la stanchezza sulle gambe dei biancorossi, che sono riusciti a sbloccare il match nel primo tempo con De Luca ma hanno pagato cara un'incertezza difensiva. Nella ripresa la squadra (e Alvini con i cambi) hanno provato fino alla fine a spuntarla, ma le gambe erano pesanti e Pisseri ha compiuto il 'miracolo' su Rosi nel recupero, salvando il risultato e negando la gioia finale a una 'caldissima' Curva Nord.

PAGELLE De Luca con l'istinto del bomber, Gyabuaa meglio di Ghion

LE SCELTE - Dopo le fatiche di Cremona, dove il Grifo ha giocato per più di un tempo in dieci uomini, Alvini è costretto a fare la conta con gli acciacchi dei suoi e cambia cinque titolari. Senza gli squalificati Dell'Orco e Zanandrea, va solo in panchina Angella: a guidare la difesa c'è Sgarbi con Rosi (al rientro dalla squalifica) e Curado (capitano di giornata) ai suoi lati, mentre Falzerano si riprende il posto da Ferrarini a destra e in mediana c'è l'inedita coppia composta da Ghion (al debutto in biancorosso) e Vanbaleghem, con Carretta dentro al posto di Matos in attacco al fianco di De Luca. Sull'altro fronte indisponibili Bruccini, Bellodi e Mantovani per Moreno Longo, che si affida a un 3-4-1-2 speculare a quello del Grifo, con l'ex biancorosso Mustacchio a destra e Milanese a supporto delle due punte Corazza e Palombi.

GRIFONERIE Centrocampo “malato” di turn-over e il Curi diventa sempre più un tabù

PRIMO TEMPO - Il copione è chiaro fin da subito con l'Alessandria ad aspettare e pronta a ripartire. O a lanciare lungo per Corazza come al 7', quando Chichizola è già costretto a spendere il giallo travolgendolo in uscita fuori area (tra le proteste dei grigi che volevano il rosso). I piemontesi schermano i due mediani biancorossi e Kouan, preferendo lasciare a Sgarbi l'onere di impostare il gioco e chiudendo ogni spazio al Perugia, che però è cinico ad approfittare del primo errore avversario: su un lancio di Falzerano Di Gennaro tocca corto all'indietro con la testa e serve così involontariamente De Luca (ex grigio), bravo a superare in corsa Pisseri e a centrare la porta col destro da posizione defilata (primo gol in biancorosso). Un vantaggio prezioso dilapidato però troppo presto dalla squadra di Alvini, che tre minuti dopo si fa sorprendere da calcio d'angolo: cross di Lunetta e colpo di testa in tuffo vincente di Prestia, sgusciato via dalla marcatura di Rosi. Tre minuti di emozioni per tornare al punto di prima, con la gara chiusa in cui solo il sinistro sull'esterno della rete di Carretta spezza per un momento la noia.

Alvini: "Ci è mancata una vittoria sporca, ma il punto è positivo"

SECONDO TEMPO - Si va al riposo sull'1-1 e al rientro in campo nel Grifo c'è Gyabuaa al posto dell'ammonito Kouan. È proprio il baby scuola Atalanta a scodellare subito per la testa di De Luca, che però non riesce a dare forza e precisione alla sua conclusione. Deve metterci invece i guantoni Pisseri su un bel sinistro al volo di Carretta (7'), con Longo che decide allora di intervenire dopo un quarto d'ora su un'Alessandria che inizia a soffrire: dentro Chiarello e Palazzi (per Milanese e Ba). Alvini risponde ridisegnando la mediana, con Segre e Burrai dentro per Ghion e Vanbaleghem, ma è ancora Carretta a cercare la porta di sinistro senza comunque impensierire più di tanto Pisseri (66'). Doppio brivido in un minuto poco dopo, quando prima Chichizola è decisivo a uscire su Chiarello (70') lanciato verso la porta e poi Segre sfiora di un niente il palo con il destro (71'). Arriva infine anche il turno di Matos (fuori Carretta al 72') e Murano (al posto di Lisi all'85') e il Grifo chiude così all'arrembaggio, ma la squadra ormai non ne ha più e Pisseri compie il 'miracolo' nel recupero su una staffilata di Rosi. Finisce 1-1 ed Alvini è 'costretto' ad accontentarsi del quarto risultato utile di fila, mentre l'Alessandria può festeggiare al Curi il primo punto del suo campionato.

IL TABELLINO

LA CRONACA 'LIVE'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia-Alessandria 1-1: al Grifo non basta De Luca, il Curi resta un 'tabù'

PerugiaToday è in caricamento