Lunedì, 18 Ottobre 2021
Calcio

Serie B, Perugia-Cosenza 1-1: Rosi con spine, un altro pari per il Grifo

In vantaggio con il difensore a inizio ripresa, i biancorossi si fanno riprendere da Situm: prestazione in chiaroscuro per la squadra di Alvini, che non riesce a spuntarla con i cambi

Secondo pari di fila per il Perugia, che dopo lo 0-0 di Frosinone non riesce ad andare al di là dell'1-1 al Curi contro il Cosenza, costruito in fretta e furia dal diesse perugino Goretti e guidato dall'ex tecnico biancorosso Zaffaroni. Alla squadra di Alvini, meno brillante rispetto al match dello Stirpe, non è bastato il gol segnato a inizio ripresa da Rosi (al secondo centro in campionato) aperché il Cosenza (graziato da Lisi che ha fallito il colpo del ko) non si è perso d'animo e ha poi pareggiato con Situm.

IL TABELLINO

Il tecnico del Grifo ha provato a cambiare la storia della gara con i cambi ma nemmeno la superiorità numerica negli ultimi cinque minuti e poi nel lungo recupero sono bastati per spuntarla. Pagati anche stavolta errori clamorosi davanti al portiere nei momenti topici del match (Carretta e Murano in avvio di gara e poi Lisi che ha fallito il colpo del ko nel cuore della ripresa), ma la sensazione è quella di un passo indietro nella prestazione rispetto alla buona prova dello Stirpe.

Perugia-Cosenza 1-1, le pagelle: Sgarbi non è Dell'Orco, Falzerano per ora fuori ruolo

LE SCELTE - Nel Grifo Alvini va avanti con il suo 3-4-1-2 e conferma la squadra scesa in campo a Frosinone, con la sola eccezione di Sgarbi in difesa al posto dell'infortunato Dell'Orco. In mediana c'è ancora Burrai con il nuovo acquisto Segre mentre davanti non viene 'scoppiato' il tandem Carretta-Murano, con il centravanti De Luca alla sua prima convocazione e in panchina insieme a Matos. Sull'altro fronte niente sorprese nemmeno nel 3-5-2 del Cosenza, con Zaffaroni che dà fiducia agli uomini vittoriosi sul Vicenza: a centrocampo titolare l'ex grifone Carraro.

GRIFONERIE Il Perugia non è ancora rock, per ora solo ballo del mattone

ILLUDE L'AVVIO - Illude la partenza del Grifo, che vede negarsi il gol da un super Vigorito: prima resta in piedi e sbarra la strada a Carretta, messo davanti al portiere da un lancio di Chichizola (4'), poi sfodera riflessi da gatto su un piatto piazzato di Murano dopo un tiro svirgolato da Segre (6'). Il Cosenza sembra in difficoltà ma piano riesce a prendere le misure e a sterilizzare il possesso palla del Grifo, la cui manovra si fa via via sempre più lenta e scontata. E mentre Alvini si sgola con i suoi a bordo campo la squadra di Zaffaroni prende coraggio e inizia a farsi pericolosa, soprattutto sui calci piazzati: sempre attento però Chichizola, coraggioso ed efficace nelle usite, ben piazzato su un colpo di testa di Gori (23') e sulla punizione calciata in porta da Palmiero (40'), infine autore di un grande intervento sul destro di Vaisanen (41').

Alvini pensa positivo: "Luci e ombre, ma è un punto prezioso"

ROSI LA SBLOCCA - Negli spogliatoi Alvini può finalmente intervenire e decide di farlo con una doppia mossa: fuori Segre e Murano per far posto a Santoro e a Matos, ma è Rosi a sbloccarla trovando il secondo gol in campionato di testa su corner calciato da Burrai. La strada pare ora in discesa per il Perugia, che con il Cosenza costretto ora a scoprirsi ha infatti presto a disposizione il colpo del ko: 'spiazzata' di Matos a lanciare Carretta, che a tu per tu con Vigorito prova a piazzarla sul palo lontano ma calcia a lato (57') mentre poco dopo Kouan colpisce di male al volo con il destro in piena area (63').

Lavori al Curi, il Comune 'replica' allo striscione della Curva Nord: "Alcune precisazioni"

SITUM LA RIPRENDE - I calabresi si riorganizzano e dopo un buon sinistro di Gori parato da Chichizola (60') trovano il pari: cross dalla sinistra 'bucato' da Sgarbi e palla a Sitium, che si libera di Lisi rientrando sul sinistro e poi scaraventa in rete la palla dell'1-1. Alvini prova allora a cambiare la storia con i cambi: dentro via via Ferrarini, Curado e Murgia (per Lisi, Rosi e Kouan) e 4-2-3-1 nel finale quando il Cosenza (dopo aver chiamato in causa più volte Chichizola dalla distanza) resta in dieci per il secondo giallo a Palmiero (85'). Tutto vano però, perché il Grifo non ha più la forza di graffiare ed è costretto ad accontentarsi di un altro pari, in attesa della trasferta sul campo della Cremonese in programma mercoledì sera (22 settembre, ore 20.30) nel turno infrasettimanale.

LA CRONACA 'LIVE'

Continua a leggere >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Perugia-Cosenza 1-1: Rosi con spine, un altro pari per il Grifo

PerugiaToday è in caricamento