rotate-mobile
Calcio Pian di Massiano

Calcio, la Covisoc ha deciso: la Reggina fuori dalla B, Lecco ammesso. Perugia beffato

Termina con la classica soluzione all'italiana: i lombardi potranno disputare il campionato cadetto malgrado il chiaro ed evidente ritardo nella presentazione di alcuni documenti, i calabresi sono fuori per le molteplici mancanze evidenziate. I biancorossi per ora restano in serie C. Via alla girandola dei ricorsi

Le speranze erano già flebili prima, a giudicare da quanto riportato da alcuni organi di stampa nazionali, e ora di fatto sono nulle. Il Perugia sarà costretto a ripartire dalla serie C, almeno per il momento. La Covisoc ha emesso i verdetti in giornata: fuori la Reggina, dentro il Lecco. Soltanto una squadra dunque avrà diritto alla riammissione in B e non sarà la società biancorossa, bensì il Brescia, sconfitto nella doppia sfida playout contro il Cosenza.

Entrando nel dettaglio la domanda della società amaranto è stata respinta in quanto non solo non ha effettuato pagamento del 5% dovuto ai creditori, 757.000 euro solo per la giustizia ordinaria con scadenza 12 luglio, ma sarebbero emerse anche altre irregolarità riguardo a incentivi all’esodo non ancora corrisposti per 651mila euro. La Reggina sicuramente farà ricorso (da presentare entro le 19 del giorno 5 luglio), ma le possibilità che possa essere accolto sono molto vicine allo zero.

Ciò che sicuramente indiginerà il club di Santopadre sarà la posizione del Lecco, giudicata regolare malgrado la firma del Prefetto di Padova (città che ospiterà le partite casalinghe dei lombardi) che sarebbe arrivata nel giorno successivo ai termini previsti. 

Certamente, nel pieno rispetto di chi ha preso le decisioni del caso, si tratta della solita conclusione all'italiana: alcune società che hanno operato correttamente, ivi compreso il Perugia (che ora presenterà sicuramente ricorso al Collegio di Garanzia del Coni che si pronuncerà il 20 o il 21 luglio), sono rimaste al palo e invece è stato premiato chi ha commesso irregolarità o comunque ha presentato la documentazione richiesta fuori tempo massimo. In questo modo si vanno a creare precedenti pericolosissimi, come del resto negli ambienti di Pian Di Massiano - come è stato possibile accertare nelle ore precedenti la sentenza - si temeva. 

I biancorossi dal canto loro avrebbero potuto sperare nell'esclusione del Parma, che avrebbe presentato una domanda infarcita da parecchie imperfezioni, ma la voce si è rivelata poi infondata. La beffa dunque è servita: Santopadre, che molto probabilmente resterà al timone, dovrà iniziare a programmare la prossima stagione in terza serie ponendo i primi tasselli, allenatore e direttore sportivo su tutti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, la Covisoc ha deciso: la Reggina fuori dalla B, Lecco ammesso. Perugia beffato

PerugiaToday è in caricamento