rotate-mobile
Calcio Pian di Massiano

Calcio serie B, Perugia: Bartolomei non getta la spugna: “Ne verremo fuori, ci sono i presupposti”

Il centrocampista, arrivato nelle fasi finali del mercato estivo, fotografa la stagione vissuta fino a questo momento dalla sua squadra e ostenta ottimismo e fiducia

E’ arrivato in extremis, poco prima del gong dopo una trionfale stagione a Cremona, ma probabilmente che il Perugia occupi l’ultima piazza della classifica non se lo aspettava nemmeno lui. Il centrocampista Paolo Bartolomei, dall’alto della sua esperienza, non ha alcuna intenzione di arrendersi e lo ha chiaramente fatto intendere nell’intervista rilasciata al termine dell’allenamento di ieri mattina. Quanto si è visto nelle ultime due partite, nelle quali la prestazione c’è stata, non rende completamente giustizia ai Grifoni, che avrebbero meritato almeno tre punti in più e ora si trovano a dover proseguire una difficile rincorsa. 

DURANTE LA SOSTA – Bartolomei spiega come la squadra sta lavorando in questo periodo di assenza da impegni agonistici: “Alcuni dei ragazzi hanno gestito alcuni acciacchi, noi abbiamo lavorato in alcuni aspetti da migliorare che sicuramente ci ritroveremo contro il Genoa”. Ad esempio: “Sarà importante il partire bene, soprattutto nei primi minuti, che ti porta a prestazioni importanti. Abbiamo subito parecchi gol in questo periodo di tempo”. 

IL RAPPORTO CON LA CITTA’ – Perugia ha fatto presa facilmente sul centrocampista lucchese: “Mi è sempre piaciuta questa grande piazza, mi spiace trovarmi in questa situazione. Sono sicuro che ne usciremo, ci sono i presupposti. Non voglio pensare di essere venuto qua per sminuirmi, nella maniera più assoluta. Il momento più difficile? Non ce n'è stato uno particolare. Vogliamo lasciare questa posizione di classifica e fare bene”. 

ALTRE DIFFICOLTA’ – Ecco, oltre all’approccio, dove si dovrà intervenire urgentemente: “Dobbiamo essere più bravi negli ultimi metri per arrivare al gol”. 

MISTER ASSIST – A La Spezia 13 erano state le volte in cui Bartolomei ha mandato in rete i compagni e al Braglia la storia si è ripetuta. Il perché lo spiega lui stesso: “Ho fatto più la mezzala e ho giocato di conseguenza più vicino alla porta. Regista? Ho iniziato come mediano, gioco dove c'è più necessità”.

IL CASTORI BIS – Dopo circa un mese il tecnico marchigiano, per il quale era stata costruita la squadra, le cose stanno migliorando: “Ho lavorato due partite con lui, mi è dispiaciuto quando è stato mandato via. È tornato carico, con la sua esperienza ne usciremo ne sono certo”. Gli effetti iniziano a notarsi: “Abbiamo tenuto bene il campo, stiamo creando compattezza, ci applichiamo e questo fa la differenza soprattutto in B. Anche perchè come ti distrai mezzo secondo prendi gol”.

L’IMPATTO CON PERUGIA CITTA’ –Ci siamo ambientati bene, vivo a San Mariano. È una città bella, ma la conoscevo già perché essendo toscano giravo questi posti”. 

LA RIPRESA – Il 27 dicembre il Perugia ospiterà un Genoa in difficoltà con l’allenatore in bilico, ma Bartolomei non si fa troppe illusioni: “Non c'è un momento ideale per affrontare sia loro che altre squadre. La B è equilibrata, dobbiamo pensare di ritrovare risultati in casa senza guardare la classifica perché porterebbe negatività. Rispettiamo tutti e andiamo in campo per vincere”. 

SITUAZIONE NON NUOVA – Il giocatore non è nuovo ad affrontare questi momenti difficili: “Ci sono già passato a La Spezia e a Cremona. In entrambi i casi però abbiamo centrato obbiettivi importanti”. 

GOL CERCASI – Le poche realizzazioni sono il vero tallone d’achille di questa stagione. Il compito tuttavia non spetterà ai soli attaccanti: “Anche i centrocampisti devono pensarci così come gli esterni. Ci lavoriamo molto anche se alla fine non importa chi li segna” .

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio serie B, Perugia: Bartolomei non getta la spugna: “Ne verremo fuori, ci sono i presupposti”

PerugiaToday è in caricamento