Domenica, 26 Settembre 2021
Sport

Serie B, Perugia-Ascoli 2-3: non bastano Carretta e Rosi, il Grifo cade al Curi

Saric porta avanti i marchigiani e poi pareggia dopo l'uno-due biancorosso, ma a decidere poi la sfida è un calcio di rigore provocato da Falzerano e trasformato da Dionisi

Perugia ko nella prima gara di campionato al Curi (di nuovo gremito dai tifosi sugli spalti con ingressi comunque contingentati), dove il Grifo di Alvini non riesce a bissare il successo ottenuto all'esordio sul campo del Pordenone e perde 3-2 contro l'Ascoli. È Saric a portare avanti i marchigiani e in seguito a pareggiare dopo l'uno-due biancorosso firmato da Carretta e Rosi, ma a decidere la sfida è poi un calcio di rigore provocato da Falzerano e trasformato da Dionisi.

PERUGIA-ASCOLI 2-3: IL TABELLINO

LE 'MOSSE' DEI TECNICI - Senza l'infortunato Curado, lo squalificato Kouan e senza De Luca (il nuovo attaccante arrivato in prestito dalla Sampdoria, non al top della condizione, dovrebbe essere disponibile dopo la sosta quando il Grifo tornerà poi in campo tra due settimane a Frosinone) recupera il centrocampista Vanbaleghem nel suo 3-4-1-2 e dà ancora fiducia a Santoro. Per l'esterno Ferrarini, fresco di convocazione con la Under 21, un altro inizio in panchina dove trova spazio il convalescente Sgarbi. Sull'altro fronte Sottil va avanti con il suo 4-3-1-2, preferendo Collocolo a Eramo in mediana con Fabbrini rtequartista a supporto delle punte Bidaoui e Dionisi mentre tra i pali c'è lex grifone Leali.

PERUGIA-ASCOLI 2-3: LA CRONACA 'LIVE'

PRIMO TEMPO - Partono forti gli ospiti in gol con Saric al 4' e vicini al raddoppio con Dionisi, chiuso provvidenzialmente in corner da Dell'Orco (20'). Alvini capisce che c'è da cambiare qualcosa e sposta Vanbaleghem nel ruolo di mediano, con Burrai mezzala sinistra e Santoro ora arretrato in posizione di interno destro in un classico 3-5-2. La mossa paga perché il Grifo cresce e pareggia al 22' con Carretta, a segno in tap-in su tiro di Murano respinto corto dall'ex portiere biancorosso Leali, e sfiora poi il raddoppio con Murano che su assist del compagno di reparto calcia alto da buona posizione (39'). Prima c'erano stato un destro a giro di Lisi a lato di poco (32') e un paio di chance per l'Ascoli, con Chichizola attento sulla 'botta' di Collocolo dal limite (36') e un'altra decisiva chiusura di Dell'Orco su Dionisi prima del riposo (45').

Perugia-Ascoli 2-3, Alvini 'assolve' il Grifo: "Meritavamo il pari contro un'avversaria forte"

LA RIPRESA - Dopo l'intervallo subito Grifo arrembante e in vantaggio con Rosi (4'), il cui inserimento viene premiato da Falzerano: preciso il destro rasoterra in diagonale del difensore biancorosso che va po a festeggiare con i tifosi sotto la Curva Nord baciando lo stemma sulla maglia. Il Perugia insiste e va vicino al raddoppio con Carretta ma nel suo momento migliore viene beffato ancora da Saric, che dai 25 metri la piazza di nuovo all'incrocio con un violento destro che batte l'incolpevole Chichizola (10'). I biancorossi accusano il colpo e al 13' vengono sorpassati: l'arbitro viene richiamato al Var e sul monitor vede un pestone di Falzerano sullo scatenato Saric per poi indicare il dischetto, dove si presenta Dionisi che spiazza il portiere del Grifo e riporta avanti l'Ascoli. Alvini prova a ribaltarla di nuovo con i cambi e tornando al 3-4-1-2: dentro Bianchimano e Gyabuaa per Murano e Santoro, poi Ferrarini e Sounas per Lisi e Vanbaleghm e infine Manneh per Falzerano, ma il Perugia non ha più la forza per rimettere in piedi la gara e chiude con una sconfitta la prima di campionato al Curi.

Perugia-Ascoli 2-3, Rosi mostra i muscoli: "Grifo seconda pelle, ho il fuoco dentro"

Calciomercato, doppia uscita per il Perugia: ceduti Vano e Di Noia, per l'attacco spunta Matos

Continua a leggere >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Perugia-Ascoli 2-3: non bastano Carretta e Rosi, il Grifo cade al Curi

PerugiaToday è in caricamento