menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A 17 anni è sul gradino più alto del mondo: la straordinaria impresa della giovane amazzone perugina

Costanza Laliscia ha vinto il FEI Young riders world endurance ranking 2016, la classifica della Federazione internazionale riservata agli under 21, sfidando 555 concorrenti di tutto il mondo

Ha appena 17 anni ma è già sul gradino più alto del mondo. Protagonista di una storia esaltante, una vera e propria impresa sportiva, è Costanza Laliscia. La giovane amazzone perugina ha vinto il FEI Young riders world endurance ranking 2016, la classifica della Federazione internazionale riservata agli under 21. Costanza ha avuto la meglio sulle uruguaiane Belen e Valentina Mendez e su un lotto di 555 concorrenti di tutto il mondo.

“E’ un sogno che si avvera – commenta l’atleta di punta del Fuxiateam – e che premia la qualità del lavoro che tutta la scuderia è stata in grado di portare avanti. Gestire una stagione che ha comportato viaggi in tutto il mondo è stato a dir poco impegnativo, così come fare i conti con la pressione di doversi confrontare con i migliori in tutte le gare e di presentarsi sempre con cavalli al massimo della condizione. Ma è stato proprio nei momenti più difficili che abbiamo saputo dare il meglio, alla fine è stato proprio questo che ha fatto la differenza”.

Oltre alle corse affrontate in Italia, Costanza ha gareggiato negli Emirati Arabi Uniti, in Argentina, Slovacchia, Inghilterra e Portogallo. Il “bottino” è stato a dir poco esaltante, a cominciare dal titolo di campionessa italiana assoluta e dalla conquista della medaglia d’argento a squadre con l’Italia ai campionati europei junior & young riders, ai quali si aggiungono 6 vittorie, 7 secondi posti, 13 podi su 24 gare, 20 top ten su 24 gare, 7 premi Best condition e 22 gare consecutive portate e termine.

E’ il mondo, dunque, la dimensione della 17enne amazzone umbra, che si divide con profitto fra gli studi al liceo scientifico “Alessi” di Perugia e l’allenamento quotidiano dei propri cavalli. Fra i suoi “tifosi” eccellenti c’è anche Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai, che da grande appassionato e mecenate dell’endurance a livello mondiale l’ha “eletta” fra le sue atlete di riferimento, condividendo con lei i successi più importanti e sostenendola personalmente, come è avvenuto lo scorso luglio a San Rossore, in provincia di Pisa, in occasione della conquista del campionato italiano.

Per nulla appagata dall’essersi guadagnata la possibilità di guardare il mondo dall’alto, Costanza Laliscia è già al lavoro per vivere un 2017 quanto mai intenso, alla ricerca di conferme e di ulteriori passi in avanti, partendo proprio dalla vittoria del ranking mondiale 2016. Un traguardo di non poco conto, che le frutterà l’attribuzione da parte della Federazione internazionale del titolo di “ambasciatrice del futuro dell’endurance”, l’assegnazione del trofeo e dell’attestato, il 50% del montepremi in palio e la qualificazione automatica ai prossimi campionati del mondo. Gli impegni, dunque, non mancano per Costanza, che affronterà la nuova stagione forte del grande bagaglio di esperienza che ha accumulato in un 2016 indimenticabile.

“E’ stato un anno intenso, è chiaro – ammette l’amazzone del Fuxiateam – che mi ha fatto crescere tantissimo soprattutto nella capacità di gestire le gare. Con un occhio alla gara in sé e con uno al ranking non è stato facile, ma l’approccio vincente è stato quello di affrontarle un passo alla volta: prima la gara da concludere nella miglior posizione possibile e poi, di conseguenza, la classifica mondiale”. Uno step alla volta, quindi, per migliorare giorno per giorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento