Sport

Perugia, così non va: il Vicenza passa al Curi e fa fare un’altra brutta figura al Grifo

Seconda delusione in tre giorni per il Grifo, sconfitto 1-0 dal Vicenza nel recupero della 21esima giornata di serie B, rinviata il 27 dicembre per nebbia

Seconda delusione in tre giorni per il Grifo, sconfitto 1-0 dal Vicenza nel recupero della 21esima giornata di serie B, rinviata il 27 dicembre per nebbia. Un’altra battuta d’arresto pesante per la formazione biancorossa, che non ha mostrato grandi miglioramenti dopo la brutta figura di Como.

Le formazioni – Tante sorprese da entrambe le parti. Bisoli lancia immediatamente il nuovo acquisto Miloš in posizione di terzino destro e lascia in panchina il leader della retroguardia Volta. Coppia di centrali composta dunque dal giovane Mancini e da Marco Rossi, con Comotto a fare l’esterno di sinistra. A centrocampo Taddei si riprende il posto da regista e viene affiancato da Zebli e Della Rocca. In attacco si torna al tridente: Ardemagni punta centrale, Drolè e Parigini a supportarlo sulle ali. Marino cambia ben 6 uomini rispetto alla sfida vinta tre giorni fa contro il Modena: nel 4-3-3 del tecnico del Vicenza non ci sono, almeno inizialmente, Galano e Giacomelli, così come l’ex di giornata Mantovani e Giulio Ebagua.

Equilibrio – Dopo appena 90 secondi Taddei crea la prima occasione calciando di poco fuori una punizione dal limite dell’area. Il Vicenza però non vuole lasciarsi schiacciare dai padroni di casa e sfiora il vantaggio al 7’: combinazione tra Raicevic e Sbrissa con quest’ultimo che prova a sorprendere Rosati sul primo palo, ma il portiere del Grifo è attento e salva in corner.

La partita non è spumeggiante, ma vive di fiammate, come quella che ha il Perugia al minuto 19: traversone dalla destra di Taddei, troppo alto per Ardemagni, ma alle spalle del n.9 spunta Parigini che gira di testa verso la porta e costringe Vigorito a distendersi per evitare la rete. I veneti si rifanno avanti alla mezzora grazie a Raicevic che fa da pivot in attacco e serve l’accorrente Gagliardini che calcia a lato. È un botta e risposta tra le due squadre: Rossi ci prova da distanza siderale, il pallone è destinato ad infilarsi sotto la traversa ma Vigorito vola e respinge sul fondo. Due minuti più tardi Moretti da calcio di punizione costringe Rosati al secondo grande intervento della serata. Il finale di tempo è tambureggiante, le due contendenti hanno una chance per parte, ma le difese hanno la meglio e si va al riposo sul risultato di 0-0.

Beffa nel finale – Ritmi abbastanza bassi nella fase iniziale della ripresa, il freddo e la paura di perdere imperano al “Curi”. A scaldare i tifosi del Grifo ci prova Taddei al 55’: conclusione da fuori area del brasiliano, il pallone rimbalza proprio davanti a Vigorito che con grande difficoltà riesce a salvare in corner. Bisoli però non è soddisfatto ed effettua il primo cambio: fuori Ardemagni, volenteroso ma mai incisivo, dentro Di Carmine. La sfortuna continua però ad accanirsi sui Grifoni: siamo all’ora di gioco, Parigini scatta a metà campo ma crolla improvvisamente a terra. Problema muscolare per il torinese, portato fuori in barella e sostituito da Alexis Zapata. Il Vicenza torna a farsi pericoloso al 70’ con Raicevic, che devia di testa una punizione dalla trequarti: Rosati c’è e salva, anche grazie all’aiuto della trasversale, con Martinelli che aveva comunque fermato il gioco per un presunto offside dell’attaccante montenegrino. Al 75’ altra brutta notizia per Bisoli: Zebli, diffidato, commette fallo su Sbrissa e si prende un giallo pesantissimo, che gli costerà un turno di stop.

Al 38’ del secondo tempo ultimo cambio in casa Perugia: uno stanco Della Rocca fa spazio a Rizzo. Il match sembra destinato a finire 0-0, invece un infortunio, l’ennesimo della serata, cambia le cose: Galano, entrato al posto di Vita a fine primo tempo, è costretto ad uscire, sostituito da Giacomelli. È la mossa vincente: all’86’ l’attaccante esterno prende palla sulla sinistra, si accentra, entra in area e fulmina Rosati sul primo palo. Inutili le proteste del portiere biancorosso, poi ammonito, per una posizione dubbia di Ebagua sulla conclusione del n.10 vicentino. Per l’arbitro non c’è fuorigioco e il Grifo cade ancora: seconda sconfitta di fila per il Perugia, che rimane bloccato a quota 30 punti, appena al di fuori dalla zona play-off. In questo momento, però, non conta tanto la posizione in classifica della squadra quanto la difficoltà nel creare gioco e palle gol. Preparare la prossima sfida casalinga con il Pescara in queste condizioni sarà la vera sfida per Bisoli e l’arrivo di Bianchi, previsto per le prossime ore, non placherà certo la delusione dei tanti tifosi che anche stasera hanno incitato la squadra per tutti e 90 i minuti.

PERUGIA-VICENZA 0-1 (0-0)

PERUGIA (4-3-3): Rosati; Miloš, Mancini, Rossi, Comotto; Zebli, Taddei, Della Rocca (38’st Rizzo); Drolè, Ardemagni (12’st Di Carmine), Parigini (15’st Zapata). A disp.: Zima, Volta, Joss, Jakovlevs. All.: Pierpaolo Bisoli.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Laverone, Brighenti, Sampirisi, D'Elia; Moretti, Sbrissa, Gagliardini; Vita (46’pt Galano) (39’st Giacomelli), Raicevic (31’st Ebagua), Gatto. A disp.: Marcone, El Hasni, Manfredini, Mantovani, Bianchi, Modic. All.: Pasquale Marino.

ARBITRO: Martinelli di Roma 2 (Assistenti: Raparelli di Albano Laziale – Opromolla di Salerno)

MARCATORI: 41’st Giacomelli (V).

NOTE – Ammoniti: 40’pt Brighenti (V), 30’st Zebli (P), 42’st Rosati (P), 44’st Giacomelli (V), 47’st Taddei (P). Recupero: 2’pt; 5’st.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, così non va: il Vicenza passa al Curi e fa fare un’altra brutta figura al Grifo

PerugiaToday è in caricamento