rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
publisher partner

Sostenibilità, circolarità ed energia: la seconda vita dei rifiuti

Una raccolta razionale dei rifiuti genera processi benefici per l’intera comunità, sia in termini energetici che finanziari

L’espressione “economia circolare” è entrata ormai in pianta stabile nel nostro lessico quotidiano, passando in pochi anni da argomento di nicchia a tema sempre più discusso e al centro del dibattito pubblico.

La recente crisi energetica con il conseguente aumento vertiginoso dei costi delle bollette – con la necessità di individuare fonti energetiche sostenibili e alternative – ha contribuito a far crescere l’attenzione verso logiche economiche circolari, viste sempre di più come leve in grado di garantire efficienza sia in termini produttivi che economici ed in cui i rifiuti, al netto di quelli raccolti in modo differenziato ed avviati al riciclaggio, possano fornire un contributo anche alla produzione energetica mediante il recupero dell’energia in essi contenuta.

Riciclo dei rifiuti ed economia circolare

Ogni discorso sui processi di economia circolare non può quindi prescindere da una riflessione a priori della gestione dei rifiuti: infatti solo un sistema di raccolta razionale – e votato alla sostenibilità – che pone il riciclo al centro del processo di raccolta, può generare quel circolo virtuoso che fa sì che il rifiuto non sia più uno scarto, ma una risorsa ed al tempo stesso un’opportunità energetica.

Questi temi sono stati al centro del convegno “Energia e rifiuti, rifiuti e energia” organizzato da Gesenu insieme a Confindustria e AssoAmbiente, svoltosi il 12 settembre 2022 presso l’auditorium di Confindustria a Perugia.

Il momento di incontro, d’altronde, è nato dalla volontà del Gruppo Gesenu di dare visibilità al dibattito intorno all’importanza di implementare processi di economia circolare – come il recupero dei rifiuti – integrandoli, per i rifiuti non più recuperabili, con la produzione di energie alternative, sostenibili e convenienti.

Pianificazione e razionalizzazione dei processi

Gli interventi durante l’evento hanno messo in luce la necessità di pianificare gli impatti ambientali e finanziari del trattamento dei rifiuti ai fini di trovare le soluzioni migliori in ottica di produzione di energia e metterle in pratica.

Il Gruppo Gesenu da anni si pone la missione di migliorare costantemente la gestione dei rifiuti, come testimonia il lavoro svolto quotidianamente nel capoluogo umbro e la costante apertura alle innovazioni tecnologiche per cogliere ogni opportunità derivante da modelli gestionali sempre più completi ed evoluti.

Una strategia di ampio respiro, insomma, che considera il rifiuto non più come un qualcosa di cui disfarsi, ma se opportunamente recuperato e valorizzato un’opportunità per l’intera collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PerugiaToday è in caricamento