← Tutte le segnalazioni

Altro

Manifestazione anti-carne a Perugia, mostrate immagine choc: "Cambiare stile alimentare è possibile"

Piazza IV Novembre · Centro Storico

Riceviamo e pubblichiamo questa nota sulla manifestazione contro gli allevamenti e l'industria della carne che si è svolta nei giorni scorsi a Perugia. Un punto di vista destinato a far discutere ma che ormai fa parte della nostra società. Buona lettura e come sempre il lettore si farà la sua libera opionione a riguardo. 

*******

La manifestazione "Cube of the Truth", promossa dall' organizzazione “Anonymous for the Voiceless” svoltasi il 9 marzo a Perugia, con tanto di cittadini in maschera ha mostrato la cruda realtà dell’industria della carne. In piazza per informare i passanti della violenza che si nasconde dietro le scelte alimentari più comuni.  Un esperimento sociale nel quale i passanti si sono trovati ad imbattersi all'improvviso tra le vie dello shopping in strani attivisti mascherati con in mano tablet e Pc. Dagli schermi venivano mostrate scene comuni di allevamento e macellazione degli animali cosiddetti “ da reddito”.

Un evento dal forte impatto emotivo sui passanti, che per lo più osservano i video rendendosi per la prima volta consapevoli di una realtà che non conoscevano. Gli attivisti coinvolti coprono i loro volti per rendersi anonimi di fronte allo spettatore per far risaltare soltanto il loro messaggio: la sofferenza degli animali di fronte ad un’ inutile prigionia ed una crudele morte. La FAO calcola che nel 2011 sono stati almeno 117 miliardi gli animali tenuti imprigionati in allevamenti e poi destinati al macello ma ad essi va aggiungo il numero esorbitante di pesci pescati: circa 154 milioni di tonnellate ogni anno. Per la produzione di “cibo di origine animale” (carne, pesce, latte, uova, ecc.) questi individui vengono trattati come oggetti.

Gli animali non-umani negli allevamenti intensivi sono costretti a vivere in spazi ristrettissimi, incatenati o chiusi in gabbie sovraffollate per poi essere uccisi nei macelli spesso dopo una lunga agonia. Gli attivisti sono scesi in piazza per incuriosire i passanti e spingerli ad informarsi in modo autonomo su questa realtà scomoda e occultata dando voce a chi una voce in capitolo non l’ha mai avuta. Uno stile di vita che tutela la vita degli altri esseri viventi esiste, ed è alla portata di tutti attraverso nuove facili scelte alimentari. Non consumare prodotti che derivano dalla morte e dallo sfruttamento animale è un passo che sempre più italiani stanno facendo spinti da sentimenti di empatia e consapevolezza verso l’impatto ambientale dei cibi animali. I ragazzi e le ragazze dietro le maschere fanno del loro meglio per accelerare questo oramai inevitabile cambiamento verso un mondo più etico ed equo.

La manifestazione è stata promossa da “Anonymous for the Voiceless” un'organizzazione specializzata in diritti degli animali e in attivismo stradale, nata nel 2016 in Australia e presente in oltre 800 città nel mondo, assume una posizione abolizionista nei confronti dello sfruttamento animale. Gli organizzatori hanno già fatto sapere che nei prossimi mesi si terranno - nelle strade del centro del capoluogo perugino - una serie di eventi per continuare l’opera di informazione e di sensibilizzazione dei cittadini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento