In dialetto perugino, ma con classe: spopolano le mascherine de "Le frasi celebri in perugino"

L'idea creativa nasce dalla pagina Facebook che propone con ironia i modi di dire più tipici del dialetto perugino. Ed è già trend

Ormai le mascherine sono come le scarpe, il giubbotto d'inverno, le chiavi di casa: non possiamo uscire senza indossarle e in molti casi, come nei luoghi di lavoro o comunque in tutti i contesti pubblici, siamo obbligati a indossarle anche negli ambienti chiusi. E allora, sbizzarriamoci e scegliamo il modello che più si abbina al nostro outfit, oppure quella del nostro colore preferito, della squadra del cuore o... con un messaggio scritto.

Ecco che qualcuno ha allora pensato di caratterizzare un personaggio, ovvero il tipico "perugino imbruttito" diremmo, molto diretto e capace di tenere il distanziamento sociale in tempo di pace, figuriamoci in tempo di pandemia! È proprio l'ironia che ci salverà, dunque, così sono nate le mascherine della pagina Facebook "Le frasi celebri in Perugino", che stanno spopolando in queste ore sul famoso sociale biancoblu.

"L'idea delle mascherine in perugino - spiegano i creatori della pagina e promotori della cultura "de Perugia" - nasce per puro diletto, così come tutta la pagina creata nel 2012 su Fb (Le frasi Celebri in Perugino) e successivamente su Instagram (@ardillo_in_perugino). Nel caso delle mascherine, l’obiettivo è stato quello di comunicare lo stato d'animo di che si cela dietro la maschera, attraverso delle classiche esclamazioni dialettali. Sappiamo che lo stereotipo del perugino è da sempre una persona distaccata, ed il distanziamento sociale ha sempre fatto parte del carattere della gente umbra, specie quella di Perugia. Quindi attraverso alcune tipiche esclamazioni locali, abbiamo voluto far 'parlare' questi dispositivi di protezione che ormai fanno parte del nostro abbigliamento. Inizialmente sono stati fatti solo dei mockup ironici, poi viste le tante richieste abbiamo preso accordi con uno stampatore locale dove sarà possibile acquistarle fisicamente".

E così, se volete ribadire con un ricamo bianche sullla vostra elegante mascherina nera il concetto del distanziamento, potrete indossare il modello "Nn t'acostà", declinato anche nella versione più diretta "Scanzte"; per i più estremisti imperdibile è il modello "Sta n'tol tuo" e infine, se prorpio il vostro interlocutore non ha capito il messaggio, la vostra arma vincente sarà "Dò mosco".

Se invece siete tra quelli che proprio non sopportano l'odioso dpi e non vogliono rinunciare a comunicare il proprio disagio agli altri, allora fa per voi il modello: "M'afogo" e per i più pessimisti sulla situazione generale, infine "Neè quisto l verso".

La scelta è più che ampia!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento