menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Assisi a tutto il mondo, la storia di Marta, traduttrice itinerante

La storia di Marta Volpi, giovane traduttrice e interprete umbra che dopo la Laurea in Mediazione Linguistica a Perugia, dal 2015, lavora e gira il mondo a bordo di una casa-ufficio viaggiante

Alzi la mano chi non ha mai sognato una vita così: sempre on the road. Marta Volpi, trentaduenne di Rivotorto di Assisi (PG), è passata dal sogno alla realtà quando nel 2015 ha iniziato a lavorare e viaggiare in giro per il mondo. “Mi sono formata e laureata nel 2011 alla Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Perugia – racconta – un'esperienza fondamentale per la mia crescita personale e professionale, grazie alla quale sono riuscita a sviluppare le prime collaborazioni nell'ambito della traduzione, dell'interpretazione e acquisire le competenze necessarie per essere ammessa all'Università di Trieste e conseguire la Laurea Magistrale in interpretazione di conferenza e traduzione specialistica”. 

Marta inizia il suo percorso di traduttrice “itinerante” durante un viaggio post Laurea in Australia, in cui, conciliando le sue passioni per la traduzione e per l'avventura, entra in contatto con nuove culture mentre lavora, sempre online, come insegnante e come traduttrice per un'agenzia.

Attualmente collabora con varie aziende specializzate in ambito economico, finanza, marketing, turismo e siti web, tra cui un'azienda parastatale della Svizzera, il colosso dell'e-commerce Amazon e Babbel, la piattaforma online per l'apprendimento delle lingue, per la quale si occupa di lezioni di italiano. “

Dopo il primo viaggio in Australia – prosegue – tra il 2018 e il 2019 ho viaggiato e lavorato per 6 mesi nelle Filippine e in Nuova Zelanda, fino al Sud America tra l'Argentina e la Colombia, sempre girando con una station wagon e dormendo in tenda. Per lavorare mi adatto al contesto e alla situazione in cui mi trovo: biblioteche, caffè, McDonald, meglio se con una buona connessione internet”.

Uno stop provvisorio per l'anno della pandemia

La diffusione della pandemia ha messo un freno alla traduttrice “itinerante”, ma non ha fermato le sue ambizioni e la sua voglia di progettare il futuro. “Il 2020 è stato un anno difficile, ma non ho smesso di guardare avanti, continuando in ogni modo ad arricchire la mia formazione. È così – conclude Marta – che ho intrapreso il Cammino di Santiago di Compostela, ho frequentato un Master in traduzione audiovisiva e localizzazione e, insieme al mio fidanzato, ho cominciato a progettare un nuovo viaggio da intraprendere appena si potrà, probabilmente nell'estate 2021. Abbiamo acquistato dalla Germania un furgone omologato per essere adibito a camper e stiamo lavorando per attrezzarlo e trasformarlo in una vera e propria 'casa-ufficio viaggiante', in cui abiteremo e lavoreremo continuando a girare il mondo. Prossima tappa prevista, la Scandinavia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento