Musica Differenziata, gli studenti della Valnerina realizzano e suonano gli strumenti "riciclati"

Concerto conclusivo del progetto promosso dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus e rivolto alle scuole Primarie di Norcia e Preci dell'istituto Omnicomprensivo “A.De Gasperi-Battaglia”

Un concerto per strumenti a percussione e melodici costruiti con materiali di recupero. Si è concluso con un saggio finale, presso il Santuario Madonna delle Grazie di Norcia, il laboratorio Musica Differenziata, promosso dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus e rivolto alle scuole Primarie di Norcia e Preci dell'istituto Omnicomprensivo “A.De Gasperi-Battaglia”.

I 180 studenti che, da febbraio, hanno partecipato ai 10 incontri formativi tenuti dagli insegnanti Roberto Rossi, Enrico Bindocci, Gianluca Saveri, Biagio Quaglino e Stefano Baroni, hanno eseguito un brano con strumenti riciclati insieme ai Tetraktis Percussioni (Leonardo Ramadori, Laura Mancini, Giulio Calandri, Gianni Maestrucci).

“Nell'ambito delle nostre attività – sottolinea Anna Calabro, presidente della Fondazione Perugia Musica Classica onlus – dedichiamo da tempo particolare attenzione ai progetti per le giovani generazioni. Musica per i giovani e fatta dai giovani: con l'importante contributo della Regione Umbria riusciamo a portare avanti attività come questa, che hanno un'importanza fondamentale in un territorio che vuole reagire ai danni materiali e morali causati dai terremoti degli anni scorsi”. Laboratorio per la costruzione e l’utilizzo di strumenti musicali con materiali di recupero, Musica Differenziata è così diventato al termine delle lezioni uno spettacolo musicale vero e proprio, in cui sono stati usati gli strumenti costruiti con la più grande varietà di timbri possibile, col giusto equilibrio tra percussioni, metallofoni, “tubofoni”, “bidofoni”, flauti, trombe e strumenti a corda.

“Ringrazio la Fondazione per aver proposto questo bel progetto, giunto quest'anno alla sua seconda edizione – conclude Rosella Tonti, dirigente scolastica dell'Istituto Omnicomprensivo di Norcia e di Cascia – perché la nostra scuola crede molto nella musica come strumento di formazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fare musica, quindi, in senso letterale: imparare a costruire uno strumento musicale, anche il più semplice o facile da suonare, significa avvicinarsi a questa arte con fantasia e creatività, ma anche contribuire a sviluppare un atteggiamento attento e responsabile nel rispetto dell’ambiente e delle tematiche legate al riuso di materiali di scarto e non destinate alla musica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • L'ultimo saluto a Carlotta Martellini, il funerale fissato per sabato 1 agosto a Solomeo

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Coronavirus in Umbria, è un neonato il nuovo paziente ricoverato a Perugia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento