Mercoledì, 17 Luglio 2024
Rubriche

SCHEGGE di Antonio Carlo Ponti | L’indimenticato Luciano Moretti. Poeta postumo

Che noia essere un poeta che potrebbe perpetuare nel ridicolo e nell’errore, e sovente nell’orrore, di scrivere versi. Luciano a cinque anni dalla scomparsa, lasciando vuoti e più poveri i nostri cuori e i nostri giorni, ci colpisce con un uppercut che stordisce e stende sul ring della memoria. Grazie alla sua Guglielmina che, rinvenuto in un cassetto un dattiloscritto su Olivetti 22 di 24 poesie bene allineate e coperte, le ha, tramite l’amicizia fraterna di Gianpiero Bocci, autore di una sorprendete lirica prefazione, le ha date alle stampe in un’edizione impreziosita da belle foto di Adriano Scognamillo e legata a mano su carte colorate come le cravatte proverbiali che questo eccellente giornalista indossava, su camicie sgargianti.

Arbitro di eleganza, e ora poeta a tutto tondo. Una mattina del 1983 entrò nella mia stanza accompagnato da Mario Roych e m’intimò: tu devi fare il direttore del nascente “Corriere dell’Umbria“. Direttore irresponsabile pensai. Il libro, che in copertina a mo’ di Franco Maria Ricci riporta incollata la foto di cravatte policrome, s’intitola semplicemente, umilmente “Poesie“, e dentro ci sono poesie vere e poesia autentica: l’anima l’ironia la tenerezza la satira la rabbia i silenzi l’amore il cuore di un poeta. Non un dilettante, di uno che va a capo, no, versi solidi, abili, in rima, in ritmo, avvolti in quella musica auspicata da Paul Verlaine (la musique avant toute chose).

Non è un libro compatto, studiato o organizzato, è un fiume, un flusso di coscienza, versi in libera uscita, ma legati alla parola che è la materia prima in forme imprigionate da assonanze e da rime, in una ricerca lessicale non ricercata o arzigogolata in metafore eroiche o in metonimie ardite. Il libriccino ma grande e di peso è un libro mastro, di quando da giovane provvisorio contabile metteva in canto l’aridità e il tedio del dare e dell’avere, prima di approdare al giornalismo e alla politica, da par suo, da protagonista in una Perugia non natale ma cui lui come il fratello Italo dettero lustro di provetti professionisti della comunicazione e della missione d’informare e un po’ formare i lettori, la gente. Verrebbe voglia, davanti a queste paginette della castità del primissimo Ungaretti, più bianco della carta che nero dell’inchiostro, di contare sillabe consonanti vocali spazi interlinee maiuscole, tanto i versi sono decisi e decisivi, senza pentimenti, oracolari e profondi, un suo vissuto che, si presume fino ai cinquanta, ha confessato a sé stesso in questo quaderno fortunosamente ritrovato come il tempo proustiano.

«la tua vita io vorrei raccontare / il tuo passato tirando a indovinare / perdonami però sono dolente / io questa sera non so ascriver niente». «ti troverò / quando rinascerai / senza mai / esserti negata / (a me)». «Ho appena sentito di in altro / tramonto / talvolta sono così triste / ma così triste. / Mi lascio lasciare / aspettando la dolcezza / e sto qui seduto / nel disordine. / A rendermi prezioso l’istante / pure il tempo trascorrerà». «quanta fatica nella mia vita /ricominciare sempre daccapo /tutto da rifare da che / ho smesso di chiedere e sperare / altra felicità che di parole. / all’alba dei miei tempi / voglio ritornare da Dio / rincorrere il suo canto /senza più dirti di me / d’amore sena più parlarti… / amore mio!». Ma questo è anche un canzoniere d’amore. Un libro religioso. Resta il mistero, per fortuna, che non sapremo mai perché non le abbia pubblicate in vita. Quale formidabile vita!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SCHEGGE di Antonio Carlo Ponti | L’indimenticato Luciano Moretti. Poeta postumo
PerugiaToday è in caricamento