Lunedì, 27 Settembre 2021
Rubriche

PERSONAGGI E ARTE a cura di Antonio Carlo Ponti | L’arte sacra di Clemens Klopfenstein a Bevagna

Vive a Bevagna, ora solitario. Da almeno trent’anni. Per tutti Clemente. ‘Integrato’. È svizzero di Tauffelen sul lago di Biel, Cantone di Berna, 1944, figlio di un notaio. Da giovane nel 1973 scende in Italia dopo l’Accademia di Basilea con una borsa di studio e qui resta, scegliendo una vita bevagnizzata (© Giuseppe De Rita). Nasce come fotografo, quindi passa alla pittura e poi alla regia cinematografica e scrive e gira pellicole molto premiate: La storia della notte, con arditissimo uso delle luci, e i ‘francescani’ racconti lirici Chi ha paura del lupo umbro e La predica agli uccelli cui partecipa Ursula Andress sua conterranea e amica. 

Con villa a Zagarolo. Ha partecipato come pittore alla nostra mostra corcianese Artisti “stranieri” in Umbria, 2005, trenta artisti, e omaggi a Piero Dorazio, mancato da due mesi, e ai ritratti fotografici di alta psicologia scattati da Antonia Mula: Gae Aulenti, Giorgio Bocca, Alighiero Boetti, Pietro Consagra, Piera Degli Esposti, Giulio Einaudi, Luciano Fabro, Franco Fortini, Titina Maselli, Valentina Mulas, Arnaldo Pomodoro, Beatrice Rezzori, Mario Soldati, Pino Spagnulo, Federico Zeri. Una esposizione e un catalogo memorabili e rutilanti. Ora sta affrescando la Chiesa Nuova di Torre del Colle sulle colline di Bevagna “complice” don Caudio Vergini, e spero che non vengano scomunicati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PERSONAGGI E ARTE a cura di Antonio Carlo Ponti | L’arte sacra di Clemens Klopfenstein a Bevagna

PerugiaToday è in caricamento