rotate-mobile
Rubriche

NUVOLE di Antonio Carlo Ponti | Una mostra di sculture con il Trasimeno nello sfondo

L’1 settembre chiude i battenti la svelta succinta suggestiva rassegna di piccole sculture di Sestilio Burattini, l’artista che vanta il maggiore e variegato panorama di opere all’aperto, in Umbria (ad esempio a Magione che è la sua città, a Perugia, a Montefalco) e a Wangrong in Cina e in Brasile. L’eccellente, robusto artista è alla Rocca di Passignano, nel programma-cartellone della 11a edizione del festival “Isola del Libro Trasimeno”, insieme con una ventina di opere ispirate dal vento, incentrate nei vortici che questo elemento naturale inscena nelle giornate e nelle notti perfino quelle serene. Il vento è il tema, il Leitmotiv della sua “scultura a levare” dal marmo, dal granito, dall’arenaria, dal travertino al fine di trasformare il pensiero in forma, passando dalla materia grezza e informe a figurazioni levigate e armoniose, l’alfa che diventa omega, il sogno che si fa volume, l’origine che diviene storia. Dopo la grandiosa rassegna «Alisei. La forza del vento» al “Centro espositivo Galeazzo Alessi” della Camera di Commercio dell’Umbria, catalogo Futura Libri, il nostro autore conferma una stagione di forte creatività e vigoria compositiva, tutta corporea a forza di trapani e scalpelli e mazzuoli e levigatrici affermare che dominare la forza bruta del sasso si può, divenendo pigmalioni e inventori di nuove dimensioni e di fatti, affermando appunto che il mondo è davvero soltanto tutto quel che accade. Così all’aperto appare, davanti al paesaggio docile e dolce del lago un disco di marmo bianco liscio come una carezza, che nel centro ha tre gocce di sangue vermiglio. Il titolo è, come volevasi dimostrare: «Transustanzazione». Il vento che si ciba di nuvole.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

NUVOLE di Antonio Carlo Ponti | Una mostra di sculture con il Trasimeno nello sfondo

PerugiaToday è in caricamento