rotate-mobile
Rubriche

LETTI PER VOI Sugli scaffali ‘Mia zia Maria Callas. Dietro le quinte’ (Morlacchi editore)

In occasione del centenario, il racconto di fatti e personaggi finora sconosciuti

Il nostro Inviato Cittadino l’ha scritto a quattro mani col nipote della Callas, Angelo Meneghini

Racconta: “Ho avuto la felice opportunità di conoscere e frequentare Angelo, nipote di Giovan Battista Meneghini che fu, per dodici anni, marito della Callas”.

Chi è Angelo Meneghini. “Veronese, nato ad Asti nel 1937, Angelo Meneghini vive a Perugia, dove si è laureato e si è sposato nell’abbazia benedettina di San Pietro, il 3 febbraio 1964, avendo come testimoni di nozze gli zii Tano e Giovan Battista”.

Aggiunge: “Mi è sembrato interessante cogliere la disponibilità di Angelo a svelare  spigolature di sicuro interesse legate alla Divina”.

Perché questo libro? “Cadendo la ricorrenza del secolo dalla nascita (concepita in Grecia, Maria nacque al Flower Hospital di New York il 2 dicembre 1923), ci è sembrato giusto proporre il racconto, senza rete, di episodi inediti, usciti dalla memoria di un adolescente e poi giovane uomo, Angelo Meneghini, che la conobbe e con lei intrattenne rapporti di affettuosa e parentale frequentazione”.

Angelo c’era. Angelo Meneghini può giustamente affermare “Io c’ero”. E c’era sia da ragazzino quando, orfano di madre, si recava dalla zia Maria a fare i compiti e gustare i dolcetti da lei preparati con le ricette del quadernino della mamma, precocemente perduta.

Angelo è in grado di raccontare il primo incontro di Maria e del suo entourage con lo zio. Il successivo fidanzamento e il matrimonio. L’ostilità della famiglia. L’allontanamento dello zio Battista dalla gestione delle fiorenti fabbriche di laterizi. La sua proficua attività di manager della carriera di Maria. O, addirittura, curiosità assoluta, la prima volta di Maria in sella a una bicicletta, presso la villa di Zevio.

Spigolature inedite? “Parecchie. La questione del dimagrimento, l’affinamento in termini culturali di una donna sempliciotta, sovrappeso e di scarsa cultura, le lezioni (pagate a caro prezzo) col Maestro Tullio Serafin, il tradimento con Onassis nei suoi risvolti privatissimi… e tanto altro”.

Questo libro non vuol essere celebrativo e tantomeno ‘demolitivo’ della figura della Divina Callas. Non si propone di raccontarne l’intera vicenda biografica né di soffermarsi sul valore artistico e sulla storia  della fulminea ascesa all’empireo della lirica internazionale fino alla dolorosa discesa agli inferi della crisi artistica ed esistenziale.

Ricordi e spigolature ‘dietro le quinte’, riferiti in modo  onesto, da parte di Angelo Meneghini, nipote di Giovan Battista Meneghini. Imprenditore e melomane che di lei fu appassionato ammiratore, poi marito e manager. In una vicenda che passò dal rosa di una storia d’amore ai colori cupi dei quali si vestirono le sue giornate di solitudine, dopo l’abbandono immeritato e il deserto affettivo in cui ‘lo zio Battista’ visse l’ultimo tratto della sua vita.

Doloroso isolamento subito da un uomo che aveva  investito cuore, intelligenza, relazioni, capitali, energie,  alla promozione sociale e artistica della donna che non lo ripagò con pari generosità. E che, al contrario, gli fece sperimentare il sapore amaro dell’ingratitudine.

Tavole d’autore. Quanto alle foto, fin troppo viste e protette da copyright, Angelo Meneghini e io abbiamo pensato di rivolgerci al pittore Stefano Chiacchella che ha realizzato delle tavole strepitose. Faranno da degna cornice in occasione della prossima presentazione. Abbiamo inserito anche qualche cartolina inviata da Battista e Maria in giro per il mondo. Tutte inedite e originali.

Foto - Maria Meneghini Callas... dietro le quinte

La presentazione, a breve (e poi tra gli eventi del Natale), con l’Agimus di Salvatore Silivestro, con l’Assessore Leonardo Varasano. Sarà, contestualmente, presentazione del libro, mostra d’arte e “assaggi” di arie callasiane con la splendida cantante eugubina Elena Antonini. E ci sarà anche il critico Fabio Melelli a parlare dell’avventura cinematografica pasoliniana della Callas.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LETTI PER VOI Sugli scaffali ‘Mia zia Maria Callas. Dietro le quinte’ (Morlacchi editore)

PerugiaToday è in caricamento