rotate-mobile
Rubriche

Dossier Sanità, parlano i vertici di infermieri e fisioterapisti: più servizi e ambulatori sui territori, una banca data medici

La voce delle professioni sanitarie si è fatta sentire alla decima edizione della Winter School 2024 di Cernobbio di Motore Sanità, organizzata in media partnership con Mondosanità, La Provincia, Eurocomunicazione, Askanews, Espansione Tv e Italpress. Manifestazione a cui hanno partecipato decine di rappresentanti dell'Umbria. 

Da mondo saniario del CerwnL’appello è arrivato forte e chiaro: mettere in campo strategie che prevedano un maggiore investimento economico da parte delle istituzioni a tutti i livelli e un maggiore riconoscimento per i professionisti della salute per sostenere la sanità pubblica e garantire così l'innovazione e la ricerca. Il quadro di riferimento è: innovazione, nuovi modelli organizzativi sono alla base della cultura di una nuova salute, di bisogni di salute di una popolazione sempre più fragili".

Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica Ostetriche, proposte 

“Il mondo sanitario deve divenire sempre più dinamico, pronto, eclettico, attento ad analizzare criticamente i determinanti di salute, analizzare dati, fare ricerca, comunicare e pianificare interventi. La Midwifery care declina accuratamente l’accesso ai servizi di qualità e le migliori cure ed esiti di salute. Uno dei fenomeni che ha caratterizzato l’assistenza alla nascita nel nostro Paese negli ultimi anni è la crescente medicalizzazione che ha portato a un ricorso al parto chirurgico che non ha equivalenti in altri Paesi dell’Unione europea con popolazione, sistemi sanitari e risorse simili al nostro. Le linee guida raccomandano che alle donne con gravidanza fisiologica venga offerto il modello assistenziale “basato sulla presa in carico da parte dell’ostetrica/o”. Un altro paradigma sui cui puntare è la continuità assistenziale che dovrebbe essere garantita dagli stessi professionisti o gruppo di professionisti in modo continuativo”.

Fisioterapisti, Ordine professionale: proposte esfide

“Il mondo italiano dei fisioterapisti si sente particolarmente coinvolto e interrogato quando si parla di innovazione, di cambiamento e di futuro - ha dichiarato il presidente FNOFI - Federazione Nazionale Ordine Fisioterapisti, Piero Ferrante -. Da un lato perché le tecnologie sono parte integrante della pratica professionale dei fisioterapisti, che da decenni utilizzano strumenti tecnologici avanzati per la loro attività riabilitativa, dall’altro perché i fisioterapisti si sentono protagonisti del passaggio dal modello ‘prestazionale’ al modello di ‘presa in carico globale del paziente’. Questo modello nuovo, in cui FNOFI crede fermamente, rende particolarmente utili e produttivi tutti gli snodi dello sviluppo tecnologico della sanità italiana, in particolare lo sviluppo dell’ecosistema digitale di tutto il Paese, della telemedicina e della teleriabilitazione".


Infermeria: più sanità-servizi sui territori
Un’infermieristica pediatrica tra realtà e visione, viene spiegata con queste parole da Patrizia Bevilacqua, Vice Presidente SIPINF – Società Italiana di Pediatria Infermieristica. “La nostra epoca richiede un’attenzione particolare ai bisogni delle famiglie, a domicilio e sul territorio, alla luce dei nuovi bisogni di salute e di assistenza infermieristica pediatrica. In Italia è necessario mettere in campo strategie che prevedano un maggiore investimento economico da parte delle istituzioni a tutti i livelli e un maggiore riconoscimento per i professionisti della salute per sostenere la sanità pubblica e garantire così l'innovazione e la ricerca affinché al minore sia garantito il diritto di godere del miglior stato di salute possibile e di beneficiare dei servizi sanitari in relazione alle specifiche necessità”.

Teresa Calandra, Presidente Federazione nazionale degli Ordini TSRM-PSTRP spiega che “Innovare per affrontare il futuro significa avere il coraggio di sperimentare nuove modalità organizzative del lavoro in sanità, sfruttando le potenzialità dei saperi codificati, della loro diffusione, delle tecnologie digitali e favorendo la valorizzazione delle professioni sanitarie, garantendo loro la massima autonomia e responsabilità, soprattutto in questo periodo storico in cui alla carenza di personale sanitario - solo delle nostre professioni mancano più di 80.000 professionisti - si aggiunge la loro scarsa attrattività, con una pericolosa deriva del nostro SSN”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dossier Sanità, parlano i vertici di infermieri e fisioterapisti: più servizi e ambulatori sui territori, una banca data medici

PerugiaToday è in caricamento