Martedì, 19 Ottobre 2021
Rubriche

IL BLOG di Franco Parlavecchio | Gli aumenti folli delle bollette (luce e gas) odorano di centrale nucleare

"Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo aumenterà del 40%". Questo “fantastico” annuncio ci è stata offerto in anteprima nazionale dal Ministro della Transizione energetica Roberto Cingolani durante un convegno della Cgil a Genova.

Nel modo in cui ha esposto il tema forse non si è accorto che è stato il primo membro del Governo a regalare un’altra perla tragica a tutti gli italiani. Lo ha fatto in maniera assolutamente normale come se la notizia fosse già nota a tutti, con la classica superbia del professore che pontifica consapevole che per il suo bilancio familiare probabilmente questo aumento spropositato sarà completamente ininfluente. Con impeccabile nonchalance ha dato una improvvisa coltellata alle famiglie ed al mondo delle imprese.Ha anticipato i piani del Governo provando a dare una scusa piuttosto arruffata di questo prossimo rincaro in bolletta senza precedenti.

Sono arrivate giustificazioni sia finanziarie che geopolitiche. Dalla corsa al rialzo delle materie prime fino ai permessi per inquinare che si pagano in base alla quantità di CO2 emessa per poi scaricarli in bolletta. Ho come l’impressione che in questa strana situazione che stiamo vivendo, con gli interventi di scienziati e virologi che preferiscono la vita del divo piuttosto che quella dell’accademico incolore, questa sorpresa abbia un obiettivo ben chiaro. Anche come compromesso politico tra parti al Governo molto distanti. Forse stanno preparando la svolta obbligata sull’energia nucleare?

Gli scienziati - divi diranno che le centrali nucleari saranno indispensabili per la crescita economica italiana; che trattasi di energia rinnovabile e che abbiamo centrali a pochi chilometri da noi in Francia. Ovviamente nessuno spiegherà la sorte delle maledette scorie nucleari, che le centrali nucleari sono siti sensibili per il terrorismo internazionale e che in Germania da qualche anno hanno deciso di smantellarle.  Questioni irrilevanti? E siccome si tratterà di intoccabili scienziati non potranno essere contraddetti a meno che non si voglia entrare subito nel girone degli eretici pericolosi che preferiscono la vita al buio piuttosto che quella della svolta per nulla moderna.

Sarà giustificato per motivi di emergenza. Forse questa è solo fantapolitica ma rimane comunque il problema delle bollette salatissime. Nessuno scende in piazza, nessuno protesta. Siamo talmente esausti che la nostra energia è già finita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

IL BLOG di Franco Parlavecchio | Gli aumenti folli delle bollette (luce e gas) odorano di centrale nucleare

PerugiaToday è in caricamento