rotate-mobile
PROVINCIA Piegaro

Piegaro, il Milite ignoto è diventato "cittadino onorario"

Cerimonia di fronte al monumento dedicato ai caduti

Il Milite ignoto è da oggi ufficialmente “cittadino di Piegaro”.

Con una solenne cerimonia al monumento ai caduti in viale Cavalieri di Vittorio Veneto, il borgo della Valnestore ha apposto questa mattina una targa “in perenne memoria” del militare italiano caduto al fronte durante la prima Guerra Mondiale, la cui identità è rimasta ignota.

Con questo gesto l’amministrazione comunale completa l’iter avviato due anni fa con l’approvazione in consiglio comunale dell’ordine del giorno congiunto per il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite ignoto. Iter che, a causa della pandemia, solo oggi è potuto giungere a termine.

Alla cerimonia hanno preso parte, tra gli altri, il prefetto di PerugiaArmando Gradone, il comandante provinciale dell’Arma, Stefano Romano, e il comandante della compagnia di Città della Pieve, Luca Battistella.

Milite ignoto "cittadino di Piegaro", la cerimonia

La targa in memoria del Milite ignoto si va ad aggiungere a quella in ricordo dei caduti di Nassiriya.

“E’ questo un luogo simbolico – sono state le parole espresse dai rappresentanti dell’amministrazione comunale – che esprime il più profondo rispetto della collettività piegarese ai valori della nostra Repubblica. Ma questo gesto è anche occasione per fermarci a riflettere sul senso della guerra, oggi tornata nuovamente dentro i confini europei. Le guerre sono sempre ingiuste, dolorose, crudeli, disumane e sbagliate. E’ oggi occasione che deve rafforzare in noi la volontà di coltivare la pace, il rispetto per gli altri, la democrazia nella vita di tutti i giorni”.

A fianco dell’amministrazione vi era anche la vicesindaca del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze di Piegaro, Lavinia Pala, che si è augurata che “questi monumenti presenti in tutti i paesi possano costituire un invito a desiderare la pace tra i giovani”.

“Il Milite ignoto – ha dichiarato il prefetto – è un segno che ci riporta alla nostra memoria. E la memoria è ciò che rende forte un popolo”.

Al termine della cerimonia di oggi è stato tributato un riconoscimento al luogotenente in congedo Massimiliano Parodi e si è colta l’occasione per rendere omaggio al nuovo comandante della stazione di Piegaro, Antonio Cammarota.

In forma privata si è poi svolta una visita alla caserma dei carabinieri, che è stata recentemente ristrutturata dal Comune di Piegaro.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piegaro, il Milite ignoto è diventato "cittadino onorario"

PerugiaToday è in caricamento