Domenica, 14 Luglio 2024
PROVINCIA Foligno

Picchia e perseguita la ex, scatta il divieto di avvicinamento e il controllo con braccialetto elettronico

Oltre alle presunte violenze l'uomo avrebbe pedinato e controllato gli spostamenti della donna e anche i suoi contatti con il cellulare

Gli agenti del Commissariato di Foligno hanno eseguito e notificato la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex ad un 26enne indagato per il reato di atti persecutori.

L’uomo, sia durante la relazione sentimentale con la compagna sia dopo la rottura, avvenuta per motivi di gelosia, avrebbe continuato a tenere una condotta aggressiva e violenta nei confronti della donna. Il 26enne, infatti, oltre che a controllare la compagna durante i suoi spostamenti chiamandola al telefono assiduamente per sapere dove fosse, una volta appresa la volontà della donna di interrompere la relazione, avrebbe iniziato a offendenderla, minacciarla e picchiarla, in più occasioni, provocandole lesioni personali.

La condotta del 26enne è proseguita con continui messaggi, chiamate e appostamenti per monitorarla, circostanze che hanno ingenerato un grave stato di ansia e paura nella vittima che si è vista costretta a denunciare l’accaduto alla Polizia di Stato.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Spoleto ha emesso ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, con obbligo di mantenere una distanza non inferiore a 500 metri e divieto di comunicazione con la stessa, disponendo anche il controllo del 26enne mediante l'applicazione del braccialetto elettronico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia e perseguita la ex, scatta il divieto di avvicinamento e il controllo con braccialetto elettronico
PerugiaToday è in caricamento