rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
PROVINCIA Todi

Pericolo incendi, il sindaco di Todi vieta l'accensione di fuochi, le lanterne volanti e impone la pulitura dei fondi agricoli dalle sterpaglie

Divieto di sosta a motore caldo nelle piazzole con erba secca. Stop al lancio di mozziconi dai finestrini delle auto

Il sindaco di Todi Antonino Ruggiano ha emanato un'ordinanza che prevede una serie di misure finalizzate a prevenire il rischio incendi sul territorio comunale, anche alla luce delle alte temperature che si stanno registrando. Le disposizioni hanno valore immediato fino al prossimo 30 settembre.

Vietata l'accensione di fuochi in zone a rischio propagazione incendi e nelle giornate ventose anche nelle aree attrezzate con appositi bracieri. Divieto anche per fuochi di qualsiasi tipo e natura che possano causare incendi di superfici boscate e sterpaglie. Divieto d'uso pure di apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli e divieto di gettare fiammiferi, sigari, sigarette accese o qualsiasi altro materiale in fase di combustione.

Stop a fuochi d'artificio, razzi di qualsiasi tipo o mongolfiere di carta (lanterne volanti) dotate di fiamme libere, nonché altri articoli pirotecnici se non appositamente autorizzati. Vietato inoltre il transito o la sosta fuori dalle sedi stradali in presenza di vegetazione secca con mezzi a motore caldo che potrebbero essere fonte di innesco incendio delle sterpaglie.

Ai proprietari ed affittuari di terreni incolti viene chiesto di provvedere al taglio di erbe e sterpaglie che crescono spontaneamente. Gli interventi di pulizia dei terreni dovranno essere effettuati provvedendo contestualmente alla rimozione dei rifiuti prodotti e quant’altro possa essere veicolo di incendio o pericolo per l’incolumità pubblica e privata, con avvertenza che in caso di inosservanza verranno adottati tutti i provvedimenti sostitutivi in danno ai trasgressori.

Divieto infine di bruciare le stoppie fino al 30 settembre, salvo diversa disposizione da parte degli enti di competenza. Ai proprietari o affittuari di terreni coltivati è imposto di circoscrivere l’intero fondo con una striscia di terreno solcata dall’aratro o altra attrezzatura completamente scevra di stoppie per una fascia di almeno 5 metri di larghezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericolo incendi, il sindaco di Todi vieta l'accensione di fuochi, le lanterne volanti e impone la pulitura dei fondi agricoli dalle sterpaglie

PerugiaToday è in caricamento