Lunedì, 22 Luglio 2024
PROVINCIA Città della Pieve

Palio, Città della Pieve è pronta a rivivere l'emozione della sfida dei Terzieri

Il programma degli eventi che condurranno al momento clou della rievocazione

Palio e Perugino intersecano i propri destini nell’estate pievese. Presentata questa mattina a Perugia, nella Sala Fiume della Regione Umbria, la prossima edizione del Palio dei Terzieri di Città della Pieve. Un’edizione che, pur rimanendo nel solco della tradizione, tributerà un omaggio speciale al Divin Pittore, nell’anno del cinquecentenario della morte.

Del resto, come precisato dal presidente dell’Ente Palio, Marco Mario Marroni, l’artista, le sue opere e il settantennio del suo vissuto sono da sempre punto di riferimento e orientamento per il palio pievese.

L’immagine che ricorre nelle pubblicità di questo anno rappresenta la bottega del Perugino ed è tratta dal sipario storico del Teatro Comunale degli Avvaloranti dipinto dall’artista Mariano Piervittori. Mentre su proposta dello stesso Ente Palio, per l’allestimento dei tre carri saranno scelti temi tratti dalle allegorie realizzate dal Perugino nelle sale del Collegio del Cambio a Perugia.

“Quello che da sempre caratterizza il palio pievese e lo distingue dalle numerose rievocazioni storiche dell’Umbria – è stato poi detto in conferenza stampa - è l’attenzione ai particolari che ogni pievese pone per essere d’aiuto alla città. Le ambientazioni delle taverne, luoghi pulsanti della manifestazione, con i loro menù, richiamo alla tradizione e all’antico, la rigorosità nella ricerca delle materie prime fanno si che si possano degustare pietanze caratteristiche: le “Lumache al pizzico” del Casalino, lo”Stinco dell’arciere” del Borgo Dentro e gli “Gnocchi del Priore” del Castello e molti altri ancora, in una cornice che regalerà agli ospiti un tuffo nel passato.

Ogni sera il pubblico sarà intrattenuto con spettacoli, rappresentazioni teatrali, botteghe artigiane, fiere e giocolerie in pieno stile rinascimentale.

Domenica 20 agosto il maestoso corteo storico sfilerà nelle vie della città, introdotto da una voce narrante che descrive costumi, figure e gruppi storici. Anche questa edizione vedrà l’assegnazione del prestigioso premio “Masgalano”. Una significativa novità è rappresentata dalla istituzione del premio “Valerio Bittarello” messo in palio dalla Amministrazione comunale e da assegnare al terziere che realizzerà il miglior carro allegorico. Una giuria prestigiosa di esperti, sulla base dei regolamenti dei due concorsi, esprimerà il giudizio insindacabile e l’assegnazione dei premi. I vincitori dei due concorsi saranno svelati il 21 ottobre 2023 in occasione della cerimonia di chiusura dell’anno del palio.

Raggiunto il campo dei giochi i terzieri si schiereranno in campo i musici in parata suoneranno l’inno del palio. Subito dopo prenderà avvio la vera sfida tra i terzieri capitanati dai presidenti Nicolò Cappannini (Borgo Dentro), Filippo Galli (Casalino), Gianni Fanfano (Castello). Poi la

Caccia del Toro dove tre arcieri per ogni terziere, i cui nomi rimarranno sconosciuti fino al giorno della caccia, cercheranno di aggiudicarsi il Palio storico.

La disputa del Palio sarà preceduta come ogni anno il 15 agosto dal lancio della sfida. Gli araldi dei terzieri si sfideranno al cospetto delle autorità comunali riaccendendo una contesa antica. Il Castello, vincitore dell’edizione 2022, consegnerà il Palio storico nelle mani del podestà, che ne diverrà custode fino alla proclamazione del vincitore della Caccia del Toro, la gara di tiro con l’arco del 20.

Un plauso alla macchina organizzativa del Palio è giunto dalla presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei che ha sottolineato l’importanza di dar vita a manifestazioni come questa che sanno coinvolgere tanto i residenti quanto turisti e visitatori.

“Tutta la città si riconosce nel Palio”, ha dichiarato il sindaco Fausto Risini che ha poi parlato della straordinaria doppia opportunità per Città della Pieve rappresentata dalla concomitanza Palio- Mostra sul Perugino.

Per il Borgo Dentro è intervenuto il presidente Nicolò Cappannini che ha sottolineato come l’impegno del Terziere non sia limitato ai soli giorni del Palio ma occupi quasi l’intero anno, tra preparativi per la festa dei patroni a settembre e allestimento dei quadri viventi a Pasqua. Il presidente del Casalino Filippo Galli ha invece posto l’accento sul buon lavoro di squadra in atto  e ha fatto notare come l’omaggio al Perugino permei anche altre manifestazioni come l’Infiorata di San Luigi Gonzaga di domenica prossima. Infine Gianni Fanfano, presidente del Castello, ha fatto notare come attraverso le attività dei Terzieri che hanno il loro clou nel Palio di agosto Città della Pieve assurga a “punto di riferimento regionale per le rievocazioni storiche”.

EVENTI TERZIERE BORGO DENTRO

10 Agosto, la “Compagnia dell’Orca” del Terziere Borgo Dentro mette in scena la propria commedia originale “Il rubbio della discordia”.

Appuntamento alle 21,30 con la più classica delle forme del teatro da strada.

Saliranno sul palco personaggi tra realtà storica e fantasia dell’autore, per divertire pievesi e turisti.

10, 11 e 12 Agosto, il Terziere Borgo Dentro propone il suo “De Burgi Gaudio” mercato rinascimentale insieme a giochi e spettacoli in onore del Divin Pittore.

Tre giorni nei quali dalle 10.00 del mattino fino a notte fonda, grazie agli acrobati del Borgo, ai falconieri del Re e alla Compagnia lupi del Malatesta, vie e piazze del Terziere Giallo e Nero, si riempiranno dei colori, dei rumori e delle voci di mercanti, giocolieri e tanti spettacoli per grandi e piccini.

Sarà facile lasciarsi coinvolgere nell’atmosfera della fiera, tra cibi e bevande, giochi e scherzi, musica e balli, che celebrano la voglia di fare festa.

12 Agosto, il Terziere Borgo Dentro propone lo spettacolo degli “Sgherri di Balia” dal titolo “VENEFICAM, IMMUNDORUM SPIRITUUM ET DIABOLI INVOCATRICEM”.

La compagnia degli sgherri racconta alle 22.00 in piazza Plebiscito l'addestramento militare e la caccia alle streghe.

Esercizi di abilità con armi bianche, duelli singoli, e mischie disordinate, tra il rullo dei tamburini e le urla dei contendenti ci conducono tra fatti e misfatti del rinascimento Italiano.

EVENTI TERZIERE CASALINO

8 Agosto, il Terziere Casalino apre i festeggiamenti del Palio dei Terzieri con la commedia inedita a cura della “Bottega dell’Arte”.

Alle 21.30 presso gli orti del vescovo, contradaioli di tutte le età metteranno in scena

“IL Vedovo del Paese”.

La rappresentazione è oramai un cavallo di battaglia, e negli anni ha portato firme di pievesi celebri ai testi che approdano sul palco.

9 Agosto, “la Notte del Barbacane”, organizzata dal Terziere Casalino che è contraddistinto dai colori Rosso e Blu.

Una rievocazione storica, che si snoda tra vie, vicoli e gli angoli tra i più suggestivi del suo terzo di città.

Tra luci ed ombre riprendono vita personaggi dalle caratteristiche peculiari del popolo “maremmano”, armati, artigiani, monne, messeri e gli immancabili chiassosi popolani.

17 Agosto il Terziere Casalino porta in piazza la “Festa in Armi”, è il racconto dell’armeria militare rinascimentale.

La forza militare è la caratteristica che distingue da sempre il Terziere, con i suoi diversi gruppi di armati, capitani, uomini d’armi, picchieri, alabardieri e tanti altri.

Negli anni l’arsenale Rosso e Blu si è arricchito di imponenti macchine da guerra ingegnosamente e minuziosamente ricostruite.
 

EVENTI TERZIERE CASTELLO

13 Agosto il Terziere Castello aprirà la prima serata della “Fiera di San Rocco” in onore del suo santo protettore. Uscita del Banditore che proclamerà l’inizio dei festeggiamenti.

La Fiera prosegue anche la sera del 14 Agosto, due giorni sospesi nel tempo attraverso le vie del Terziere Verde e Nero, a raccontare le botteghe di fabbri, armaioli, cocciari e tanti altri artigiani, non mancheranno le bancarelle dei mercanti, il cambio delle monete con i fiorini, e poi scene di vita fra i nobili e popolani.

Tutte e due le serate dalle 21.00 piazze e strade si riempiranno di personaggi in vesti rinascimentali.

Il 16 Agosto al Terziere Castello si festeggia San Rocco, come vuole la tradizione con la sontuosa “Festa a Palazzo”.

I contradaioli in Verde e Nero alle 22.00 approderanno nella piazza principale della città per onorare il proprio Santo Patrono, al nobile Priore del Castello e a tutti i suoi ospiti sarà offerto uno spettacolo indimenticabile, con artisti, saltimbanchi e acrobati.

La narrazione suggestiva ed emozionante sarà illuminata dai giochi di fuoco della antica “Compagnia degli Sputafuoco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palio, Città della Pieve è pronta a rivivere l'emozione della sfida dei Terzieri
PerugiaToday è in caricamento