PROVINCIA Magione

Magione, a Praga ritrovata una foto di fine '800 che apre nuovi studi sui lavori al Trasimeno

Acquistata dal magionese Gianfranco Cialini noto per le numerose scoperte archivistiche e storiche

Da Praga emerge una importante foto storica sui lavori, alla fine dell'800, al Lago Trasimeno, a quanto sembra relativa all'inizio del cantiere dell'emissario di san savino. Un ritrovamento che porta la firma dello Gianfranco Cialini di Sant’Arcangelo, Magione, già direttore della Biblioteca centrale della facoltà di medicina e chirurgia e curatore del Fondo antico dell'Università degli Studi di Perugia, è noto per le sue numerose scoperte archivistiche e storiche tra cui si ricordano il ritrovamento di alcuni frammenti di manoscritti ebraici nella biblioteca del dottorato dell’Università degli studi di Perugia e il rinvenimento delle ossa del marchese Ascanio della Corgna.

Si tratta di una fotografia-cartolina che ritrae le maestranze all’inizio dei lavori dell’emissario del lago Trasimeno (1896-98) opera voluta dall’onorevole Guido Pompilj, marito della poetessa Vittoria Aganoor. Lo scatto è opera della società francese R. Guilleminot, Boespiflun et C. di Parigi ed è datata 1896.

“Probabilmente – spiega Cialini – la si può datare forse all’inizio dei lavori cominciati il 27 settembre 1896. Ritrae circa 50 uomini di cui tre militari in divisa dell’epoca e altri con il cappello a falde larghe. Sono gli stessi cappelli portati dalle maestranze che si possono troveremo ritratti nelle fotografie dei lavori dell’emissario commissionate ai fratelli Alinari di Firenze dallo stesso Pompilj.  Sullo sfondo si nota un capannone nuovo con la scritta Consorzio del Trasimeno, abbreviazione di Consorzio di bonifica del lago Trasimeno. Una struttura simile lo ritroviamo sempre nelle fotografie Alinari. La foto, inoltre, è stata scattata vicino al lago. Si vede l’acqua e, davanti agli uomini, recise e distese le piante di cadelone del Trasimeno probabilmente a testimoniare l’inizio dei lavori.”

Secondo lo storico Michele Chierico il documento può aprire nuovi studi: "Pompilj commissionò delle foto ad altri fotografi? Anche le persone ritratte, probabilmente maestranze e sorveglianti; e il contesto in cui si trovano, sono insolite e aprono nuove ed interessanti questioni anche se senza apparenti fini per il Consorzio di Bonifica. Per noi, appassionati di questo periodo storico, sicuramente un documento di estremo interesse”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magione, a Praga ritrovata una foto di fine '800 che apre nuovi studi sui lavori al Trasimeno

PerugiaToday è in caricamento