rotate-mobile
PROVINCIA Todi

Ponte di Montemolino, nuovo piano della Regione. Il sindaco di Todi: "Luce in fondo al tunnel"

L'assessore Melasecche: "Prospettata alla Soprintendenza una soluzione più rispettosa dell’impianto strutturale esistente, auspichiamo la svolta entro fine gennaio"

La Regione Umbria sta lavorando a una soluzioni per i problemi del Ponte di Montemolino, collegamento fondamentale tra i comuni di Todi, Montecastello di Vibio, Fratta Todina e Marsciano. Ad assicurare gli sforzi della Giunta affinché la struttura possa tornare ad avere la sua piena funzionalità in termini di viabilità, di sicurezza infrastrutturale e di servizi per l’intero territorio, è Enrico Melasecche. 

Intervenendo ieri (martedì 11 gennaio) in Consiglio a margine di una risoluzione dedicata al tema approvata dall'aula, l'assessore regionale alle Infrastrutture ha spiegato di aver dato nei giorni scorsi “l’input al direttore e ai dirigenti dell’assessorato di riprendere i contatti con la Soprintendenza, prospettando un’ulteriore soluzione più rispettosa dell’impianto strutturale esistente".

Ponte Montemolino "fatiscente con problemi enormi". Tre progetti per l'alternativa

Melasecche è entrato poi nel dettaglio: "Viene riproposta la sostituzione delle vecchie travature in acciaio con delle nuove in acciaio Corten aventi dimensioni uguali a quelle esistenti e limitando al minimo gli interventi sulle pile, in modo da ridurre a pochi mesi di tempo la chiusura del ponte durante i lavori. Questa soluzione è stata ritenuta fattibile dalla Soprintendenza, pertanto abbiamo già provveduto a contattare lo studio tecnico che aveva redatto i precedenti studi di fattibilità tecnico-economica per aggiornare gli stessi sulla base della nuova soluzione proposta. Il costo si aggirerebbe su circa 3-4 milioni di euro, molto meno di quanto precedentemente prospettato. Se questo tentativo avrà successo saremo in grado di addivenire al consolidamento del ponte in tempi relativamente brevi, avendo accesso alle risorse economiche della legge ‘145’ sulle quali, a breve, prenderemo provvedimenti di relativa programmazione. In questo modo si potrà decidere velocemente e dare luogo alla gara, tramite la Provincia, e andare all’appalto dei lavori. Entro la fine di gennaio auspichiamo di poter dare una svolta decisiva alla soluzione del ponte di Montemolino”.

Ponte Montemolino, rischio chiusura: c'è un piano?

Parole accolte "con grandissima soddisfazione" da Antonino Ruggiano, sindaco di Todi. "In questi anni - dice il primo cittadino tuderte - abbiamo assistito con grande preoccupazione all’evoluzione di una vicenda, che sembrava non trovare mai soluzione. La fruibilità del ponte di Montemolino rappresenta uno degli elementi centrali del nostro territorio. Di fatto, senza quella strategica infrastruttura, la praticabilità delle zone ad Ovest del Tevere è sostanzialmente preclusa, rendendo pressoché irraggiungibili i Comuni di Montecastello, Fratta Todina e San Venanzo. Ieri, finalmente la svolta. La Regione Umbria si è impegnata in un progetto, che avrebbe il benestare della Soprintendenza. È una notizia che ci rassicura e ci rende più sereni, se solo si pensi che la scadenza della proroga per l’utilizzazione è al 2022. Adesso, è il momento di continuare a lavorare su questa strada. Non tutti i problemi sono risolti, ma, finalmente, si vede la luce in fondo al tunnel. Nelle prossime settimane - conclude Ruggiano -, ottenuta questa importante apertura, lavoreremo per la definitiva soluzione del problema".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte di Montemolino, nuovo piano della Regione. Il sindaco di Todi: "Luce in fondo al tunnel"

PerugiaToday è in caricamento