rotate-mobile
PROVINCIA Gualdo Tadino

Dopo anni di oblio e chiusura, uno dei luoghi simbolo di Gualdo e dell'Umbria pronto a rinascere: ecco i primi lavori

"Si tratta del 1° stralcio della messa in sicurezza del costone roccioso. Sono in corso di perfezionamento le istanze per avviare la sistemazione dell’intera zona, a partire dalla parte bassa della Valle del Fonno"

Dopo anni di attesa sono iniziati oggi i lavori di consolidamento del Costone Roccioso della Rocchetta a Gualdo Tadino, uno dei luoghi simboli dell'Umbria - a livello paesaggistico e di acqua sorgiva - che era rimasta distrutta dopo un terrificante alluvione che ha destablizzato tutta l'area. Qui sgorga la famosa sorgente Rocchetta. Oggi hanno avuto inizio i lavori di consolidamento del Costone Roccioso della Rocchetta (Disgaggio ammassi rocciosi pericolanti, sistemazione di reti paramassi e barriere paramassi) con il trasporto in quota mediante elicottero del materiale necessario per l'esecuzione dei lavori.

I lavori, finanziati dalla regione Umbria con la L. 145/2018) per un importo complessivo (comprensivo di IVA es speese tecniche) di 750mila euro sono eseguiti dalla ditta Tecnostrade srl di Perugia con l'ausilio della ditta Geogrimp srl di Ancona e la ditta Elispanair srl di Fondi (LT). “Dopo 8 lunghi anni di interminabile attesa – ha dichiarato il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti - finalmente oggi sono partiti i lavori di sistemazione dell’area della Rocchetta. Più precisamente si tratta del 1° stralcio della messa in sicurezza del costone roccioso. Sono in corso di perfezionamento le istanze per avviare la sistemazione dell’intera zona, a partire dalla parte bassa della Valle del Fonno, dove insiste l’area privata di Rocchetta Spa. Interventi complessi e molto delicati che consentiranno finalmente di poter garantire di nuovo il transito nell’area in tempi speriamo ragionevoli”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo anni di oblio e chiusura, uno dei luoghi simbolo di Gualdo e dell'Umbria pronto a rinascere: ecco i primi lavori

PerugiaToday è in caricamento