Domenica, 14 Luglio 2024
PROVINCIA Cascia

Cascia, falsi documenti e lavori non dichiarati: stanati dai Carabinieri tre "furbetti" del reddito di cittadinanza

Secondo i militari sarebbero state dichiarate informazioni sulla composizione del nucleo familiare non corrette e omessi redditi da lavoro dipendente

I Carabinieri della Stazione di Cascia e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Perugia hanno denunciato tre persone, già note alle forze dell'ordine, tre persone per truffa ai danni dello stato per indebita percerzione del reddito di cittadinanza.

Si tratta di due donne, madre e figlia, che all’atto della presentazione della domanda avrebbero allegato una dichiarazione sostitutiva in cui attestavano una falsa composizione del proprio nucleo familiare e, in più, la madre avrebbe attestato con un atto a parte un diverso luogo di residenza.

Condotte avrebbero indotto in errore i pubblici ufficiali dell’Inps di Spoleto e alla indebita percezione di 3.412,06 euro nel periodo compreso tra giugno 2021 e gennaio 2022.

Il terzo denunciato è un uomo, inizialmente disoccupato e già percettore di reddito di cittadinanza, che avrebbe omesso di comunicare all’Inps di Spoleto la variazione occupazionale da cui derivano redditi da lavoro dipendente non rilevabili per l’intera annualità in Isee, percependo così un contributo pari a 3.462, 69 euro nel periodo compreso tra giugno e dicembre 2021.

Le attività d’indagine condotte dall’Arma hanno permesso di appurare l’elargizione complessiva da parte dell’Inps di 6.874,75 euro in favore dei tre soggetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascia, falsi documenti e lavori non dichiarati: stanati dai Carabinieri tre "furbetti" del reddito di cittadinanza
PerugiaToday è in caricamento