rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
PROVINCIA Foligno

Foligno, Spoleto e la Valnerina si confermano "maglia nera" nella raccolta differenziata. L'allarme di Legambiente

Si producono tanti rifiuti e si differenzia male e poco. Molti comuni della Valnerina sono ancora sprovvisti in massima parte della raccolta dell’organico

I dati della produzione dei rifiuti urbani e della raccolta differenziata del 2021, pubblicati da ARPA Umbria e dalla Regione Umbria, confermano le pessime performance nella gestione dei rifiuti dei comuni della Valle Umbra e di quelli della Valnerina, gestiti dalla Valle Umbra Servizi.

Secondo i dati 575 chilogrammi per abitante è la produzione pro capite, ben superiore ad una già non soddisfacente media regionale (515 Kg/ab), con Spoleto che si attesta a 547 Kg/ab, Foligno che raggiunge i 615 Kg/ab e i comuni della Valnerina, Trevi e Campello sul Clitunno che vanno ben oltre i 700 Kg/ab.

Anche la produzione pro capite dei rifiuti non differenziati è superiore alla media regionale di 87 kg/res, in ulteriore incremento rispetto all’anno precedente.

Il dato medio di raccolta differenziata di ambito si blocca al 55,6%, ovvero più di 10 punti percentuali in meno rispetto alla media regionale (66,2%), non raggiungendo né gli obiettivi nazionali del 65% di raccolta differenziata che il Testo Unico Ambientale fissava per il 2012, né tantomeno l’obiettivo regionale del 72,3% entro il 2018.

Le più grandi città della Valle Umbra si sono allineate alla mediocrità: Foligno ha perso qualche punto e Spoleto, dopo aver migliorato qualcosa negli anni 2018 e 2019, nel 2021 sta anch’esso perdendo percentuali rispetto al 2020. Quantitativamente nel 2021 la raccolta differenziata a Foligno si ferma al 60,0% a Foligno e al 58,8% a Spoleto.

Il Comune di Trevi che è arrivato ad un modesto 68%, segno evidente che l’amministrazione può fare la differenza, ma non basta a superare le criticità di un servizio evidentemente non efficiente. Senza parlare dei comuni della Valnerina ancora sprovvisti in massima parte della raccolta dell’organico e che quindi registrano percentuali di raccolta pessime: dallo 0% di Poggiodomo al 43% di Sant’Anatolia che rappresenta una rarità in Valnerina.

I dati qualitativi mostrano che il Sub Ambito 3 manda in discarica (tra l’altro a prezzi di mercato di oltre 200 euro a tonnellata) ancora tanta carta, plastica, organico, vetro da poter differenziare e valorizzare anche economicamente.

“I pessimi dati della gestione dei rifiuti del 2021 dell Sub Ambito 3 dimostrano - commentano Simonetta Bandini e Marco Novelli presidenti dei Circoli Legambiente rispettivamente di Spoleto e di Foligno - l’assoluta mancanza di impegno per uniformarsi alle direttive europee, alle leggi nazionali e a quelle regionali. I previsti aumenti della Tari, che per i cittadini si attestano a circa l’8% l’anno per tre anni, saranno accompagnati da un effettivo miglioramento del servizio? O dobbiamo pensare che questo immobilismo nella gestione, perpetrato ormai da troppi anni, sarà utilizzato come pretesto, dal Consiglio di Amministrazione di Vus e dai Sindaci, per spalleggiare la presunta necessità di un inceneritore come previsto dal nuovo Piano regionale dei Rifiuti, dimenticando le proprie responsabilità e inadempienze?”.

“Le presunte soluzioni semplici, come quella dell’incenerimento, sono solo scuse per continuare a non fare nulla - conclude Maurizio Zara presidente regionale di Legambiente – Si perde solo tempo e per altro senza guadagnarci. Lavorare invece nella logica dell’economia circolare può essere di grande stimolo per tutta la regione e creare anche nuove opportunità. La gestione dei rifiuti sostenibile richiede un approccio nuovo, con il coinvolgimento delle comunità e con una riorganizzazione coerente ed efficiente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foligno, Spoleto e la Valnerina si confermano "maglia nera" nella raccolta differenziata. L'allarme di Legambiente

PerugiaToday è in caricamento