Sabato, 13 Luglio 2024
PROVINCIA Città di Castello

Città di Castello, otto temi strategici per il mandato del sindaco Secondi

Intanto il primo cittadino annuncia "L’apertura di un nuovo asilo nel quartiere Casella"

Otto temi strategici per «fare di Città di Castello un luogo innovativo, dinamico e vivibile, dove poter lavorare e fare impresa, costruire relazioni e partecipare alla vita della comunità, aprendosi al territorio circostante e sviluppando sinergie su tutti i livelli». Queste le linee programmatiche di mandato 2021-2026 dell'esecutivo 'targato' Luca Secondi.

Il documento è stato approvato dal Consiglio comunale con i 16 voti favorevoli della maggioranza consiliare (composta da : Pd, Psi, Lista Civica Luca Secondi Sindaco), sei voti contrari (Unione Civica Tiferno, Lista Civica Marinelli Sindaco, Fratelli d’Italia e Castello Civica) e l’astensione della Lega.

Il primo cittadino ha presentato gli obiettivi dell’amministrazione comunale, indicando nel «senso di appartenenza, nella giustizia sociale e nella solidarietà» le parole d’ordine dell’azione di governo. «Lavoreremo nella prospettiva delle risorse del Pnrr, ma con la consapevolezza del fatto che le sfide saranno mutevoli, avendo come faro la dignità delle persone, che rispetteremo sempre per far sentire i cittadini parte della comunità», ha chiarito Secondi, illustrando gli otto temi strategici fra cui: la sfida digitale, l’imprenditorialità ed il lavoro,l' arte, cultura e il turismo; la difesa dell’ambiente e mobilità agile e sostenibile; i giovani, lo sport e la scuola; la solidarietà e le politiche sociali; le trasformazioni e le innovazioni urbane per finire con la sicurezza «difendere la città dal degrado e dalla microcriminalità».

La capogruppo di Castello Cambia Emanuela Arcaleni ha sostenuto: «a questo documento manca l’anima».  A parlare, invece, di “un approccio vincente, che parte dalla lettura della nostra realtà e individua le priorità, pensando di non lasciare indietro nessuno” è stato il capogruppo del Pd Gionata Gatticchi, mentre il capogruppo di Castello Civica Andrea Lignani Marchesani ha giudicato poco convincenti gli impegni su alcuni versanti fra cui il Prg.

Dal capogruppo della Lega Valerio Mancini è venuta la disponibilità a “collaborare nello sviluppo delle linee programmatiche, se verrà data l’opportunità di offrire un contributo” . A evidenziare “la carenza di indicazioni sulle coperture finanziarie di molti interventi proposti come obiettivi” è stato il capogruppo dell’Unione Civica Tiferno Filippo Schiattelli, mentre a rimarcare l’impegno dell’amministrazione a sostegno dell’imprenditorialità è stato Federico Bevignani (Pd).

Secondi ha rifiutato l’idea del “libro dei sogni” in presenza di cospicui finanziamenti già incamerati per la riqualificazione del centro storico e la mobilità urbana, l’edilizia scolastica e le mura urbiche, annunciando l’apertura di un nuovo asilo nel quartiere Casella.

“Piuttosto – ha detto - speriamo che il Pnrr non sia un libro dei sogni per la Regione, che ha incluso la riapertura della ferrovia fino a Sansepolcro e il completamento della E78”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Castello, otto temi strategici per il mandato del sindaco Secondi
PerugiaToday è in caricamento