rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
PROVINCIA Città di Castello

Il sogno sulle punte di Angelica Bistarelli parla tedesco: la danzatrice altotiberina presa dal Theater Chemnitz

Ricevuta in Comune a Città di Castello. Dopo la formazione a Dresda e il primo contratto a Saarbrücken, la storia continua

Sulle “punte” a passo di danza inseguendo un sogno che per ora è gia realtà. Angelica Bistarelli, 19 anni, tifernate, giovane promessa della danza a livello internazionale ha già in tasca il contratto con la compagnia Die Theater di Chemnitz (centro della Sassonia candidata capitale della cultura 2025), dove inizierà una nuova esperienza in Germania a partire dalla prossima settimana dopo Ferragosto.

Il Theater Chemnitz è un teatro molto importante e principalmente improntato sullo stile classico e su classici rivisitati; quest'anno sono già in programma 5 premier e 5 spettacoli, oltre a produzioni di grandi coreografi, da tutto il mondo. “Spero di poter mantenere la determinatezza e disciplina necessarie a sostenere questo mio percorso, consapevole delle difficoltà e degli ostacoli che mi si presenteranno durante il cammino”, ha commentato Angelica Bistarelli, questa mattina in comune a Città  di Castello, ricevuta dal sindaco Luca Secondi, dall’assessore alla Cultura del Comune di San Giustino, dalla presidente del consorzio “Castello Danza”, Maria Cristina Goracci, da Rita e Roberta Giubilei, le prime “maestre”  dello Studio Danza che l’hanno vista crescere alla sbarra e sulle punte e seguita sempre a distanza nel suo percorso professionale e dal maestro, Fabio Battistelli, amico di famiglia, scopritore di diversi talenti artistici.

La danzatrice Angelica Bistarelli ricevuta in Comune a Città di Castello

Un incontro di cortesia per far sentire tutto l’affetto e la vicinanza delle due comunità locali in un momento importante della sua vita e di quella della sua famiglia prima di spiccare il volo verso un nuovo sogno di carriera. Figlia d’arte in tutti i sensi, Angelica, il nonno, Benito Bistarelli, indimenticato grande musicista e fondatore di locali da ballo che hanno fatto la storia del costume non solo locale, la mamma, Barbara Panfili ed il babbo Marco, “maestri” fra i fornelli, chef di fama internazionale, il fratello Andrea, protagonista di eventi artistico-culturali di tendenza, all’età di quattro anni ha iniziato a muovere i primi passi presso lo studio Danza Giubilei e dopo i vari stage, concorsi e audizioni a 15 anni è volata in Germania ed è entrata a far parte della prestigiosa Accademia Palucca Hochschule für Tanz di Dresda.

Dopo la laurea, lo scorso anno, ha firmato il primo contratto presso il Saarländisches Staatstheater di Saarbrücken, inserendosi nel corpo di ballo di una nota compagnia locale. “Potermi esibire in un palco così importante di fronte a un pubblico attento e appassionato è stata un’emozione indescrivibile”, ha proseguito Angelica visibilmente emozionata e felice al tempo stesso. “Durante questo anno ho avuto l'opportunità di esibirmi in molte produzioni - originali e di repertorio - ricoprendo diversi ruoli, anche da solista. Ho tenuto due workshop e mi sono occupata della realizzazione di una coreografia per l’ultima produzione stagionale del teatro Alte Feuerwache, occasione di crescita personale e professionale molto rilevante per me. A febbraio mi è stato offerto un contratto con la compagnia Die Theater di Chemnitz (candidata capitale della cultura 2025), dove inizierò la mia esperienza la settimana prossima".

“È stata una decisione dura ma importante e necessaria – ha concluso Angelica - soprattutto per alimentare il mio bagaglio di esperienze, un processo fondamentale per la vita di una ballerina”.

“Angelica è uno dei tanti esempi concreti di giovani che inseguono sogni a suon di sacrifici, tanto lavoro, merito e passione. Siamo orgogliosi di quello che hai fatto fino ad ora e farai in futuro aldilà dei risultati grazie alla tua splendida famiglia e alle tante persone che ti vogliono bene, forza Angelica”, hanno dichiarato sindaco e assessore alla cultura dei due comuni assieme alle rappresentanti della danza altotiberina prima di salutarla e di consegnarle una targa ricordo ed altri simboli delle eccellenze artistico-culturali dell’altotevere umbro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sogno sulle punte di Angelica Bistarelli parla tedesco: la danzatrice altotiberina presa dal Theater Chemnitz

PerugiaToday è in caricamento