rotate-mobile
PROVINCIA Città della Pieve

Reddito di cittadinanza, ancora controlli e denunce per i "furbetti" del bonus

Cinque posizioni irregolari individuate dai carabinieri di Città della Pieve

Ancora denunce per il Reddito di cittadinanza percepito senza averne diritto. Cinque le persone segnalate dai carabinieri di Città della Pieve che hanno effettuato accertamenti insieme ai colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro.

Due di loro, è emerso dalle verifiche, all’atto della presentazione della domanda avrebbero omesso di comunicare di essere sottoposti all’obbligo di dimora nel comune di residenza. Il primo, secondo le risultanze investigative, avrebbe percepito senza averne diritto 873,30 euro tra agosto e novembre 2020. Al secondo, invece, sarebbero andati quasi 900 euro.

Un terzo soggetto, all’atto della presentazione della domanda, avrebbe omesso di comunicare che era detenuto; circostanza che non sarebbe stata comunicata nemmeno dalla moglie che, nel produrre la specifica autocertificazione necessaria per integrare la domanda, non avrebbe fatto alcuna menzione alla misura che gravava sul marito. La somma che secondo le indagini sarebbe indebita è di 1.854,02 euro. Entrambi sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Perugia.

Un quinto soggetto di origini straniere, infine, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, all’atto della presentazione della domanda non avrebbe riunito il requisito minimo di permanenza in Italia per poter accedere al contributo, che è stabilito in dieci anni complessivi o negli ultimi due in via continuativa trascorsi nel territorio nazionale. Gli accertamenti hanno permesso di quantificare la somma che sarebbe stata indebitamente percepita nel periodo che va dal mese di gennaio 2021 a marzo 2021: 1.500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza, ancora controlli e denunce per i "furbetti" del bonus

PerugiaToday è in caricamento