rotate-mobile
PROVINCIA Panicale

Bancomat sradicato nella notte a Tavernelle, due banditi sotto processo per un bottino da 60mila euro

Altri due imputati sono usciti dal processo: uno stralciato perché incapace di stare in giudizio, l'altro con la richiesta di abbreviato. individuati grazie alle immagini della video sorveglianza

Due a processo, uno stralciato a seguito di richiesta di giudizio abbreviato e un altro fuori dal processo per incapacità a stare in giudizio.

È quanto deciso nel corso dell’ultima udienza per l’assalto al bancomat con al fiamma ossidrica, con passamontagna per non farsi riconoscere e poi la fuga con un bottino da 62mila euro a Tavernelle nel 2015. A sette anni dai fatti, quindi, il processo ancora non è iniziato.

I due imputati rimasti, difesi dagli avvocati Diego Florio e Michele Nasti di Pisa, sono finiti sotto processo perché “in concorso tra loro, al fine di trarne profitto, travisati con passamontagna, introducendosi con effrazione dalla finestra con vista su piazza Carlo Marx della filiale del Monte dei Paschi di Siena di Tavernelle, si impossessavano di 62.400 euro, depositati presso lo sportello bancomat, utilizzando una fiamma ossidrica al fine di aprire lo sportello blindato sul retro del bancomat”.

I ladri, la notte del 4 luglio del 2015, avevano sradicato il bancomat da muro e lo avevano caricato in auto e poi allontanarsi. Il colpo era avvenuto nella notte di venerdì e ad accorgersi della rapina un cliente della banca che era andato a ritirare i soldi e al posto del bancomat aveva trovato un buco nel muro. Sembrava un colpo perfetto, ma la banda non aveva calcolato la telecamera di sicurezza che aveva immortalato la targa dell’auto usata per il colpo e tramite quella era risaliti ad alcuni nomi e poi ai cellulari, scoprendo che la notte del colpo avevano agganciato proprio la cella di Tavernelle. Anzi, erano presenti da giorni sul posto, quelli che erano serviti per organizzare il furto controllando orari e vie di fuga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancomat sradicato nella notte a Tavernelle, due banditi sotto processo per un bottino da 60mila euro

PerugiaToday è in caricamento