Il Governo non firma la proroga per raccogliere le macerie e i (pochi) cantieri si fermano: stop anche alla Basilica

A tre anni dal terremoto in Valnerina, come nel resto del Centro Italia, si è ancora alle prese con le macerie. Un ritardo sulla proroga blocca tutto. La rabbia della Tesei a Roma: "E' tutto bloccato"

A tre anni dal sisma che ha devastato preziosi ma piccoli territori di montangna del Centro Italia, tra cui anche la Valnerina umbra, ancora siamo in piena emergenza macerie tanto da non sapere dove poter metterle. E questo comporta che i pochi cantieri aperti all'improvviso devono essere bloccati per l'ennesime amnesie politiche e amministrative di Roma.  A causa della mancata proroga da parte del governo per il recupero e lo smaltimento delle macerie, la soprintendenza alle Belle arti dell'Umbria ha dovuto amaramente comunicare di essere stata costretta a sospendere i lavori di svuotamento della Basilica di San Benedetto a Norcia.

La notizia è stata diramata dall'Ansa e pubblicata sul proprio sito aperto a tutti i lettori del web. Il blocco dei lavori era stato già comunicato al Comune di Norcia e alla diocesi di Spoleto-Norcia. La stessa Regione dell'Umbria era stata costretta nelle settimane scorse a congelare il contratto per lo smaltimento con una società specializzata a causa proprio di questa mancanza del Governo. La presidente della Giunta regionale Donatella Tesei è intervenuta alla Conferenza Stato Regioni a Palazzo Chigi per ribadire sia il caos sulla ricostruzione che la necessità di nuovi strumenti e poteri per salvare il salvabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bisogna correre perché se non riavviamo la ricostruzione rischiamo di far spopolare questi luoghi, un danno che non ci possiamo permettere": ha detto la Tesei, al termine dell'incontro. Il presidente Conte avrebbe dato massima disponibilità, ma a questo punto contano i fatti e di fatti non se ne vedono molti. Intanto è tutto bloccato a causa del provvedimento di proroga dello smaltimento rifiuti e si è in attesa della nomina del commissario per la ricostruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

Torna su
PerugiaToday è in caricamento