menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore regionale Barberini

L'assessore regionale Barberini

Vaccini in Umbria, 120mila lettere inviate alle famiglie: le Usl "precettano" gli inadempienti

Si tratta di una piccola guida per spiegare la tempistiche, i vaccini da fare e i motivi dell'urgenza di arrivare ad una quota protetta intorno al 95 pe cento in Umbria

Oltre 120mila lettere sono state inviate alle case delle famiglie umbre per vaccinare i loro figli (fino a 16 anni) che si devono iscrivere in una scuola di casa nostra. Quarantamila avvisi sono già arrivati nelle abitazioni per l'adempienza vaccinale per coloro che hanno da 0 a sei anni. Per loro la scadenza è il 10 settembre (in ballo l'iscrizione all'asilo nido e alla materna). Si tratta di una piccola guida per spiegare la tempistiche, i vaccini da fare e i motivi dell'urgenza di arrivare ad una quota protetta intorno al 95 pe cento in Umbria, soglia che permetterebbe l'effetto gregge e proteggerebbe anche la parte residuale dei non vaccinati.

“Nei prossimi giorni - ha spiegato l’assessore regionale Barberini – le Usl provvederanno, inoltre, a contattare i soggetti ‘non adempienti’, cioè non vaccinati o che non hanno completato i cicli vaccinali obbligatori previsti per la loro età, attraverso lettere raccomandate in cui verrà proposto un appuntamento, presso il centro vaccinale di riferimento, per effettuare il primo vaccino o completare l’iter”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento