menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multinazionale delle Chiacchiere: è finita la tregua tra il Rettore e la Marini. "Tu stai nel tuo, Io sto nel mio"

Terzo capitolo della guerra Unipg-Regione. Volano parole grosse. Le due grandi istituzioni umbre ormai sono divise... e restano autonome..

Regione contro Università. Terzo capitolo: il contro-attacco dell'Ateneo guidato dal Rettore Moriconi. Riepilogo delle puntate precedenti: il Magnifico concede una intervista di due pagine al Corriere dell'Umbria dove parla di tutto e nel tutto si dice preoccupato dei tagli al diritto allo Studio da parte della Regione. A quel punto la Regione insieme all'Adisu - su ordine della Marini furente perchè si è sentita esclusa dai risultati che sta ottenendo l'Unipg - manda una nota forte contro Moriconi ricordando tutto quello fatto per l'Ateneo, in termini di investimenti e soldi dati.

Torniamo ad oggi, terzo capitolo. L'Università contrattacca. Primo colpo di cannone: "Siamo così purtroppo costretti a pensare che alligni in certi ambienti un inspiegabile risentimento nei confronti degli evidenti risultati lusinghieri ottenuti negli ultimi anni dall'Università degli Studi di Perugia, di recente presentati alla stampa con la massima trasparenza. Di fronte a tali risultati, si è prima provato ad affermarne l’inesistenza mentre ora si tenta goffamente di intitolarsene il merito. Questo atteggiamento è offensivo non solo nei confronti della logica e della verità, ma anche delle oltre duemila persone che ogni giorno hanno lavorato con impegno, affinché tale crescita potesse realizzarsi".

Tradotto: "rosicate che l'Ateneo ha ripreso vita con un Rettore che non è quello per cui vi siete spesi con anima e corpo". Seconda traduzione: "Non sarà. E non abbiamo le prove... ma sospettiamo da tempo che dietro gli attacchi al Rettore e alla pubblicazione di dati fuorvianti sulle iscrizioni... c'è anche la Regione". Ma le "bastonate" non finiscono qui anzi. C'è una frasetta destinata a scavare un fossato da qui ai prossimi due anni (fine mandato Rettore e Presidente Giunta regionale)tra la Marini e il Rettore: "Offende altresì l’accusa di una gestione padronale dell'Ateneo da parte del Rettore stesso, la cui azione è sempre stata improntata alla massima collegialità e partecipazione. Si intravvede piuttosto un maldestro tentativo di ingerenza politica nel libero governo dell’Università". Ingerenza politica! Boom!

Non dimentichiamoci mai che la Regione è in mano al centrosinistra, il Comune di Perugia e l'Unipg invece no... sono un mix tra oasi civica per vocazione, ridotta del centrodestra e scontenti del Pd. "Non ci stancheremo di cercare, come sempre, la collaborazione con tutte le istituzioni del territorio, in primis della Regione, ma in un quadro di rispetto reciproco dei ruoli e delle autonomie di ciascuno". Che tradotto vuol dire: "Noi stiamo nel nostro, voi state nel vostro". La rottura c'è ed è netta.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento