L'Unione Comuni del Trasimeno approva il bilancio di previsione: “2020 anno dei cantieri Iti, la Regione continui a crederci”

Lavori chiusi in videoconferenza a causa dell'emergenza coronavirus

L'emergenza coronavirus ha costretto i sindaci a lavorare in videoconferenza, ma alla fine il bilancio di previsione dell’Unione dei Comuni del Trasimeno è stato approvato. Un bilancio quasi esclusivamente derivato da trasferimenti di altri enti e che pertanto, come fa notare il sindaco delegato Riccardo Bardelli, "dovrebbe risentire in maniera più contenuta degli effetti negativi dovuti al Covid-19. Ciò non significa che non si debbano attentamente monitorare tutte le voci, in particolare quelle legate all'erogazione di servizi sociali che probabilmente rappresenterà la funzione con maggiori esigenze".

Se il 2019 è stato l’anno dell’acquisizione delle competenze sul demanio lacuale, il 2020 è quello dell’avvio dei cantieri dell’Intervento territoriale integrato (Iti) con fondi comunitari della Regione Umbria, a cui è stato chiesto di continuare a credere in questo progetto. “Il 2019 - ricorda poi Bardelli - ha visto la positiva e inedita introduzione da luglio del settore Demanio e darsene dalla Provincia di Perugia. Per assicurare la manutenzione ordinaria sulle pertinenze del lago (pontili, darsene, sponde, moli e attracchi) sono necessari circa 2 milioni di euro all’anno. E su questo l’Unione è ancora in attesa del trasferimento finale delle risorse del Ministero dell’Ambiente per i dragaggi che a sua volta è in attesa del parere della Corte dei Conti. Certamente rimangono sul tavolo i temi delle regole e quello dei finanziamenti”.

'Tante storie a Borgo Gioioso': giocando si impara la storia del Trasimeno

Per quanto riguarda il turismo, l’esperienza dell’Albero di Natale di Castiglione del Lago è stata un enorme successo, su cui l’Ente vuole continuare ad investire coinvolgendo sempre di più gli altri Comuni. Rispetto agli interventi legati alla nuova delega Demanio, da segnalare in maniera particolare i lavori su alcune pertinenze presenti lungo la fascia demaniale del Trasimeno (darsena di Panicarola, antico molo di Sant’Arcangelo, palificata di attracco di Isola Maggiore, pontile di Passignano previsto nel 2020) e lo studio strutturale di tutti i pontili del lago per capire quali siano le urgenze.
Il territorio del Trasimeno è caratterizzato non solo dal bacino lacustre, ma anche da tanti centri storici di valore. Per l’Unione dei Comuni è necessaria l’integrazione, anche nei confronti dei territori limitrofi (come l’Alto Orvietano), omogenei sotto molti profili e con i quali già vengono condivisi servizi e progetti.

Relativamente alle politiche sociali, l’Unione dei Comuni è già da tempo pronta per avviare formalmente la realizzazione del Piano Sociale di Zona, con il coinvolgimento attivo di tutto il terzo settore sociale, cooperativo e di volontariato.
“Per quanto riguarda la costituzione delle nuove e necessarie aree funzionali dell’Unione - spiega poi Bardelli - che andranno a rafforzare l’efficienza dell’erogazione dei servizi per i cittadini del Trasimeno, servirà il definitivo salto di qualità e di convinzione da parte di tutti gli enti locali aderenti, con la possibilità di allargare il bacino di cittadini che potranno fruire di servizi integrati e uniformati anche al di là dei confini dell’Unione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, tamponi e prelievi 'pit stop': i comuni del Trasimeno si candidano

Intanto nel 2020 i Comuni associati trarranno vantaggi dal progetto di unificazione degli uffici Personale ed Informatica, che darà respiro soprattutto alle realtà più piccole. Tra le novità, infine, il progetto 'Trasimeno Living Lab', finanziato dall'Unione Europea. Rientrato tra i progetti europei 'Liverur', che consente la sperimentazione di un modello di economia innovativo per le aree rurali, basato sul concetto di economia circolare e rivolto alla filiera agroalimentare e a quella dell'energia rinnovabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento