menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tribuna Politica in Tv, in studio c'è un esponente di Casapound, il candidato Ferroni se ne va: "Non sarò tollerante con i fascisti"

Il giovane perugino, già presidente nazionale dei Giovani Comunisti, è candidato alla Camera per la Lista Potere al Popolo. Prima di uscire dallo studio ha motivato il suo gesto "politico"

Andrea Ferroni, candidato alla Camera per Potere al Popolo (formazione nata dall'incontro tra centri sociali, Rifondazione, sindacato di base e associazioni di sinistra), nel corso della registrazione della tribuna politica su Umbria Tv ha deciso di abbandonare lo studio televisivo perchè erano presenti anche gli esponenti del movimento di destra Casapound, come previsto tra l'altro dalla Par Condicio. E lo stesso Ferroni che ha spiegato tutto in una nota ufficiale: "Questa sera mi vedrete per pochi minuti ad una tribuna elettorale su Umbria Tv. Partecipando alla registrazione, una volta appurata la presenza di un esponente di Casapound, ho deciso di lasciare lo studio dopo aver spiegato i motivi della mia scelta. Nell’ultimo anno aggressioni, violenze, intimidazioni di stampo neofascista si sono moltiplicati in maniera vertiginosa in tutta la Penisola, fino ad arrivare ai noti fatti di Macerata. Tutto nel silenzio della maggior parte della stampa e nella connivenza di quasi tutte le forze politiche, compreso il Partito Democratico, i cui esponenti locali hanno partecipato allo sdoganamento dei movimenti neofascisti del nostro Paese. Da antifascista e da sincero difensore della costituzione repubblicana nata dalla resistenza mi è quindi impossibile confrontarmi con chi rivendica orgogliosamente la continuità di rapporti con una certa squallida storia".

L'esponente di Casapound durante la registrazione avrebbe definito quello di Ferroni un atteggiamento intollerante e anti-democatico.  "La questione è semplice. O sei fascista, o sei democratico. Non ci sono terze possibilità" ha tuonato Ferroni "Per quanto mi riguarda, come diceva Karl Popper, non sarò tollerante con i fascisti perché “la tolleranza illimitata porta alla scomparsa della tolleranza. Se estendiamo l'illimitata tolleranza anche a coloro che sono intolleranti, se non siamo disposti a difendere una società tollerante contro gli attacchi degli intolleranti, allora i tolleranti saranno distrutti e la tolleranza con essi.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento