menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il piano per arginare la crisi del turismo: fondi per le imprese turistiche, territori alla ribalta nazionale

Presentate in videoconferenza stampa dalla Giunta regionale dell’Umbria le misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori che stanno subendo la crisi derivante dall’emergenza Coronavirus

Presentate in videoconferenza stampa dalla Giunta regionale dell’Umbria le misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori che stanno subendo la crisi derivante dall’emergenza Coronavirus. Si tratta di una prima fase di aiuti che assommano 32,5 milioni di euro, più oltre 6 milioni interamante dedicati al sostegno del settore turismo, per un totale di 38,5 milioni di euro. Già previste una seconda e poi una terza fase, con tempistiche indicate per fine maggio e luglio, che porteranno il totale degli aiuti regionali ad oltre 80 milioni di euro. 

“La Regione - ha spiegato Donatella Tesei - si rende conto delle difficoltà che stanno vivendo imprese e lavoratori umbri in questa fase complessa ed ha voluto prevedere un pacchetto di aiuti economici, interamente finanziati con fondi del bilancio regionale, senza tagli di fondi ad altri capitoli di spesa e senza rimodulazioni di poste di bilancio, ma grazie ad un lavoro certosino che ha fatto recuperare somme non utilizzate”.

Se l'assessore Fioroni ha elencato il sostegno alle aziende (leggi qui le decisioni prese), l'assessore al Turismo e sport e diritto allo studio, Paola Agabiti, ha invece presentato le prime azioni di sostegno per il comparto turistico, quello più difficile da rilanciare a causa del coronavirus e degli strascichi che andranno avanti per mesi: “Il settore turismo è stato drammaticamente colpito da questa emergenza, dobbiamo rilanciare il comparto e con esso tutta l’economia regionale partendo dalle eccellenze del nostro patrimonio storico ed artistico". 

Il piano prevede il rilancio dekl brand Umbria attraverso un vasto piano di marketing che prevede lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per campagne di promozione, mentre sono previsti 1,4 milioni di euro che saranno messi a disposizione dei comuni per promuovere in forma singola, o anche associata tra di essi, i territori di loro pertinenza e anche le tradizioni. Ci sono anche voucher a favore della competitività delle imprese turistiche e delle agenzie viaggi per uno stanziamento 3,5 milioni di euro. Per gli eventi e le feste storiche è stato prorogato il bando per i contributi.  Inoltre 1 milione e 200 mila euro per il sistema museale e le biblioteche, 1 milioni per l'istituzione di un fondo di garanzia per la cultura e lo sport e per contributi a fondo perduto alle associazioni sportive per acquisti e investimenti, 1 milione di euro per le imprese culturali e creative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento