Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Il piano anti-crisi entra nel vivo, primi 8 milioni a bando: le domande e i requisit. Fioroni: "La sfida è iniziata"

Alla pagina di Gepafin dedicata ai Bandi sarà possibile trovare tutte le informazioni sugli avvisi e gli indirizzi email a cui scrivere per ricevere eventuali informazioni aggiuntive https://www.gepafin.it/fondo-prestiti-small-medium/

“Oggi si parte effettivamente con la sfida lanciata alle imprese con la manovra agli investimenti SMART ATTACK I bandi SMALL e MEDIUM sono le misure più orientate alle realtà piccole": con queste parole l'assessore regionale Michele Fioroni ha lanciato l'avvio del vasto progetto anti-crisi post-covid da oltre 25 milioni di aiuti con fondi regionali. I primi due, dei cinque, bandi previsti sono stati pubblicati e si potrà fare domande dal possibile presentare domanda dal 28 maggio 2021 al 1 luglio 2021, sul portale online www.umbriainnova.it. Alla pagina di Gepafin dedicata ai Bandi sarà possibile trovare tutte le informazioni sugli avvisi e gli indirizzi email a cui scrivere per ricevere eventuali informazioni aggiuntive https://www.gepafin.it/fondo-prestiti-small-medium/.

“Crediamo fermamente – ha aggiunto l’assessore - che le micro e piccole medie imprese del nostro territorio possano riacquistare competitività a livello locale, nazionale e internazionale grazie alla digitalizzazione di processi produttivi e di canali commerciali. La Regione ha lanciato loro una sfida di medio-lungo termine e mira a spronarle ad acquisire quegli strumenti, come digital assessment, consulenze e formazione, che li accompagnino per definire al meglio proprie strategie 4.0”.

Il Bando SMALL - Sono stati stanziati 4 milioni di euro, è destinato a micro e piccole imprese, operanti nel settore manifatturiero e del commercio, e agli artigiani, che seppur non operano in quei settori, appartengano a catene del valore con almeno un’impresa manifatturiera. Verranno finanziati gli investimenti da 25.000 a 50.000 euro mirati a: digitalizzazione dei processi produttivi e organizzativi; digitalizzazione dei processi relativi ai rapporti di fornitura di beni e/o servizi; digitalizzazione dei processi relativi al rapporto con i clienti finali e all’export.

Il tipo di agevolazione concesso è un finanziamento, erogato da Gepafin, con una remissione del debito del 40%, tasso d’interesse dello 0,5%, preammortamento di 12 mesi e ammortamento di 60.  È previsto il rimborso completo dei digital assessment realizzati da Digital Innovation Hub (DIH), Competence Center (CC) o Punti Impresa Digitale (PID), inseriti nel portale del MISE Atlante i4.0.

Il digital assessment dovrà essere realizzato secondo parametri specifici dettagliati nel Bando, e sarà uno strumento utile alle imprese per comprendere il proprio livello di maturità digitale, i punti di forza e debolezza nella propria strategia d’innovazione, le azioni da intraprendere per aumentare il livello di maturità e la coerenza del progetto con tali interventi. Tra le spese ammissibili, sono previste le spese di consulenza (per un massimo del 15% rispetto all’investimento) e le spese di formazione (per un massimo del 5% rispetto all’investimento). In questo modo le imprese potranno essere accompagnate da professionalità specialistiche, in grado di supportare il processo di riconversione dei processi produttivi in chiave digitale. Importante è l’inclusione tra le spese anche di abbonamenti per l’utilizzo di licenze e per i servizi di cloud computing.

Il Bando MEDIUM -  Sono stati stanziati altri 4 milioni di euro, è invece destinato alle PMI, sempre operanti nel settore manifatturiero e del commercio, e agli artigiani, che appartengono a catene del valore con almeno un’impresa manifatturiera. Verranno finanziati gli investimenti da 50.000 a 150.000 euro e in questo caso, oltre ai progetti d’investimento in digital transformation, verranno considerati anche quelli mirati a introdurre le tecnologie in industria 4.0.

Il tipo di agevolazione concesso è un finanziamento, sempre erogato da Gepafin tasso d’interesse dello 0,5%, preammortamento di 12 mesi e ammortamento di 60. In questo caso la parte a fondo perduto arriverà al 35% del finanziamento, con una maggiorazione del 5% per aumento occupazionale e il rimborso completo del digital assessment.
Saranno sempre incluse le spese di consulenza e di formazione, così come quelle per l’utilizzo di licenze e di cloud computing. Sono state inoltre previste premialità in caso di assunzioni, realizzazione di digital assessment, imprese femminili, giovanili e per la sostenibilità ambientale.

Particolarmente rilevante è anche la volontà di premiare i progetti effettivamente più meritevoli. Tra i criteri per la creazione della graduatoria un ruolo centrale è riservato infatti alla innovatività del progetto che verrà valutata da una Commissione composta anche dal Centro di Competenza Industria 4.0 MADE, tra i soggetti più accreditati a livello nazionale nel supporto alle imprese per la transizione digitale e 4.0.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piano anti-crisi entra nel vivo, primi 8 milioni a bando: le domande e i requisit. Fioroni: "La sfida è iniziata"

PerugiaToday è in caricamento