Politica

Terrorismo islamico, sinistra Pd dell'Umbria: "Guai ora a restringere l'accoglienza ai profughi"

"E’ indispensabile comprendere che non si può confondere tutto il mondo islamico con i terroristi": hanno scritto i vertici della corrente del Pd che chiedono più integrazione e più sostegno ai migranti per cancellare l'odio e la fiamma che accende il terrorismo

La sinistra del Pd dell'Umbria, la corrente di minoranza del partito, ha espresso solidarietà "ai parenti delle vittime della strage compiuta a Parigi da terroristi islamici e a tutto il popolo francese" ma allo stesso tempo ha voluto ribadire che la politica di accoglienza verso i rifugiati delle zona di guerra non si tocca e deve continuare in Umbria come nel resto del Paese.

"Per evitare che possibili terroristi si mescolino tra i profughi, è necessaria quindi un’azione politica e diplomatica finalizzata ad attivare dei canali umanitari sicuri e dei presidi di controllo nei paesi di partenzaovunque ciò sia possibile" hanno ribadito dalla sinistra Pd che inoltre chiedono più integrazione più welfare per gli stranieri per smontare il terrorismo e l'odio vero l'occidente.

"Solo da una completa inclusione - hanno spiegato  in una nota - degli immigrati nel nostro tessuto sociale e culturale può venire il togliere al terrorismo quel substrato che favorisce l’adesione di alcuni giovani al fondamentalismo islamico, nel quale si ritrovano odio e intolleranza verso il mondo occidentale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo islamico, sinistra Pd dell'Umbria: "Guai ora a restringere l'accoglienza ai profughi"

PerugiaToday è in caricamento