rotate-mobile
Politica

Umbria, riforma case popolari: "Approccio ideologico e principi costituzionali violati"

Paparelli e Meloni del Pd all'attacco della maggioranza dopo l'approvazione della nuova legge regionale sull’edilizia residenziale sociale da parte del consiglio regionale

Si accende la polemica politica in Umbria dopo l'approvazione della nuova legge regionale sull’edilizia residenziale sociale da parte del consiglio. Se la maggioranza esulta e parla di "giornata storica", sull'altro fronte va invece all'attacco il Pd.

“Avremmo auspicato un intervento normativo capace di innovare il settore - affermano i consiglieri 'dem' Fabio Paparelli e Simona Meloni -, dotandolo di una regolamentazione pensata per estendere i diritti e aumentare la capacità di risposta del sistema pubblico, finendo per unire davvero le politiche abitative con quelle sociali così come puntava a fare la nostra proposta di legge, presentata ormai più di un anno fa. Fallito miseramente in commissione il tentativo di mettere insieme due proposte di proposte di legge, a causa dell’impronta ideologica che la destra ha voluto imprimere alla riforma, non riteniamo di certo sufficiente che la maggioranza abbia tratto direttamente dal nostro ddl una serie di temi come quello della rigenerazione urbana e delle zone sociali che rappresentano i pochi elementi di vera novità del nuovo impianto normativo. Anche in tema di canoni di affitto - proseguono - solo grazie alla nostra insistenza, tesa a non vanificare il percorso di confronto con i sindacati, la destra ha finito per condividere un ordine del giorno che punta a verificare percorsi futuri di revisione. Tutto ciò non basta a rendere questo provvedimento sufficiente a dare una risposta concreta ai tanti cittadini che vivono il dramma dell’emergenza abitativa".

Umbria, riforma case popolari: "Giornata storica, alloggi a chi rispetta le regole"

E ancora: "Riteniamo invece inutili, quanto dannose, alcune delle norme inserite nella riforma approvata oggi, che, in particolare, violano principi costituzionali come quello dell’uguaglianza dei cittadini e della funzione rieducativa della pena, al solo scopo di rimarcare posizioni ideologiche a tratti discriminatorie, che possono portare a veri e propri paradossi, come nel caso di esclusione dall’accesso ai contributi sugli affitti, per quanti hanno a loro carico sentenze passate in giudicato per reati connessi alla droga e alla prostituzione mentre li consente per reati come l’associazione mafiosa o il riciclaggio. Lo stesso dicasi per quanto riguarda le cause di esclusione dall’assegnazione degli alloggi, dalle graduatorie dei beneficiari delle case popolari e sul tema delle decadenze, sulle quali la maggioranza intende scrivere un suo codice penale in relazione ai condannati con sentenze definitive. Sarebbe stato invece necessario avere una legge che fosse in grado di obbligare tutti i comuni umbri a prevedere una quota minima di residenze popolari da destinare alle emergenze abitative. Riconoscere delle riserve anche a quanti sono stati vittima di violenze a causa del loro orientamento sessuale e identità di genere".

Umbria, case popolari: punteggi per gli inquilini e niente alloggi ai pregiudicati

Secondo Paparelli e Meloni "fondamentale sarebbe stato istituire un fondo unico a valere stabilmente sul bilancio di previsione in cui far confluire tutte le risorse annualmente disponibili dedicate alle politiche abitative, impegnando ogni anno almeno il 3 per cento delle risorse disponibili del POR FESR per sostenere davvero la rigenerazione e la manutenzione degli alloggi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, riforma case popolari: "Approccio ideologico e principi costituzionali violati"

PerugiaToday è in caricamento