rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica

Referendum 20-21 settembre, la sinistra di Articolo 1: appello per il no al "taglio della democrazia"

La sinistra, guidata da Articolo 1, ha deciso di dare indicazioni di voto per il referendum del 20 e 21 settembre

La sinistra, guidata da Articolo 1, ha deciso di dare indicazioni di voto per il referendum del 20 e 21 settembre: un chiaro no al taglio "della democrazia", ovvero la riduzione di senatori e parlamentari a discapito della rappresentanza dei territori. Ecco l'analisi dei dirigenti di sinistra dell'Umbria.

**********
Articolo UNO-Umbria non nasconde una certa preoccupazione per il riproporsi, in Italia, della tendenza a comprimere gli spazi della rappresentanza democratica: l'introduzione dell’elezione diretta di sindaci, presidenti di Provincia e presidenti di Regioni, avvenuta tra il 1993 e il 1999, ha indubbiamente contribuito a depotenziare il ruolo delle assemblee elettive; le Province, oggi in stato comatoso, non poggiano più su Consigli eletti in via diretta dai cittadini; sono stati ridotti anche i rappresentanti nei Consigli comunali e nelle Assemblee legislative regionali; in molte città di media grandezza sono venute a mancare le Circoscrizioni, luoghi funzionali alla partecipazione di base oltre e prima istanza di contatto con l'amministrazione comunale.

Inoltre, dalla fine del secolo scorso, in quasi tutte le democrazie occidentali, gli Esecutivi si sono rafforzati a discapito del potere legislativo e questo è reso ben visibile, in Italia, ad esempio, dall'eccessivo uso, nell'ultimo trentennio, dei decreti legge. La Costituzione è un “Bene Comune”. Gli equilibri istituzionali da essa sanciti sono forti. ma allo stesso tempo assai delicati. Per intervenire sulla rappresentanza democratica è quindi necessaria una visione complessiva delle dinamiche istituzionali e, in particolare, di tutte quelle forme che collegano la cittadinanza alle istituzioni: occorre perciò molta cautela e sempre un surplus di riflessione prima di modificarle.

Ma demagogia e populismo sono tutt’altro che garanti di un cambiamento razionale, pensato per durare nel tempo e lontano da strumentalizzazioni contingenti. La politica, specie sui temi che toccano la Costituzione, ha il dovere di fornire i giusti input alla società democratica. Viceversa, se la politica si limita a cavalcare le onde emotive del momento e a soffiare sul fuoco rischia di finire per affogare nello smarrimento culturale (prima che politico) o per bruciare sulla pira di un'opinione pubblica che avrà sempre meno fiducia nella politica. E’ dunque per tutti questi motivi che Articolo UNO-Umbria si impegna e invita tutte le cittadine e i cittadini a sostenere le ragioni del NO al referendum del prossimo 21 settembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum 20-21 settembre, la sinistra di Articolo 1: appello per il no al "taglio della democrazia"

PerugiaToday è in caricamento