Umbria, commento shock contro Emma Marrone: consigliere comunale espulso dalla Lega

La cantante aveva detto "Aprite i porti" durante un concerto. Il consigliere di Amelia: "Apri le gambe e fatti pagare". Espulso dalla Lega

In un post comparso sulla pagina facebook de ‘Il Giornale’ ad alto tasso di interazione. Oltre mille commenti, non del tutto teneri nei confronti della cantante Emma Marrone, fino a quello dell’esponente della Lega Massimiliano Galli. Si legge, testuali parole “Faresti bene ad aprire le tue cosce, facendoti pagare, per esempio” riferendosi ad una frase pronunciata dall’artista all’interno di un concerto ad Eboli. Nello specifico la classe 1984 avrebbe lanciato una presunta provocazione nei confronti del Ministro degli interni Matteo Salvini dicendo “Aprite i porti”. 

E la Lega lo espelle dal partito: "La Lega Umbria si dissocia dal commento sessista espresso dal consigliere comunale di Amelia, Massimiliano Galli nei confronti della cantate Emma”. Così in una nota ufficiale l’onorevole Virginio Caparvi, segretario regionale Lega Umbria "Anche il dissenso più forte non può mai scadere in simili commenti. Le affermazioni del consigliere non solo sono inaccettabili, ma assolutamente distanti dallo spirito e dai valori espressi dalla Lega e dunque chiunque utilizzi questo linguaggio non può rappresentare il nostro movimento. Per questo comunico l'irrevocabile decisione di avviare fin da subito le procedure per la sua espulsione dal partito". 

La notizia su TerniToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento