Sette ventilatori da Roma e 7mila mascherine. Per la Regione il bicchiere resta mezzo vuoto: ecco la quantità che serve

La Presidente Tesei: "Sicuramente quanto ricevuto, pur se estremamente utile, non soddisfa totalmente le nostre necessità"

Dopo il braccio di ferro tra regioni e Protezione Civile nazionale, dopo le forti polemiche e infine la firma di una tregua - ribadita dalla Presidente dell'Umbria Tesei che dopo la bufera si era detta ottimista nei nuovi arrivi - da Roma sono arrivati  7 ventilatori polmonari per la terapia intensiva.  I dispositivi, prodotti in Italia, saranno consegnati - dopo le verifiche funzionali - agli Ospedali umbri. Sempre dal Dipartimento nazionale della Prociv sono in consegna nella giornata odierna 13 mila mascherine chirurgiche; 7.100 mascherine FFP2; 6.476 tubi endotracheali e 200 tute di protezione. 

“Abbiamo avuto ed abbiamo – ha sottolineato la Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei - una interlocuzione continua, istituzionale e determinata con la Protezione Civile nazionale, con il Governo e con la Consip per garantire l’arrivo in Umbria delle strumentazioni necessarie. Una determinazione che inizia a dare i suoi frutti. Sicuramente quanto ricevuto, pur se estremamente utile, non soddisfa totalmente le nostre necessità. A tal fine continueremo ad essere presenti quotidianamente nei tavoli nazionali, e siamo fiduciosi che riceveremo quando richiesto”.

Ma il bicchiere è ancora mezzo vuoto: il piano sanitario dell'Umbria prevede 60 ventilatori e sono stati messi in coda produzione i 33 donati da enti e aziende umbre private alla Regione. Motivo: la Consip ha requisito tutti gli strumenti da gestire in proprio e da redistribuire a livello nazionale. Ad oggi, con i nuovi arrivi, alla Regione Umbria sono stati consegnati dalla Protezione civile nazionale in tutto 19 ventilatori per terapia intensiva (la richiesta è stata di 60) e 8 ventilatori per terapia sub intensiva (il fabbisogno stimato è di 108). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stesso discorso i dispositivi di protezione individuale va registrata una carenza, rispetto al fabbisogno, in particolar modo di camici chirurgici; camici impermeabili; guanti in lattice; guanti in nitrile e guanti in vinile; mascherine FFP2 e FFP3. Basti pensare a tal proposito che il fabbisogno stimato ad esempio delle mascherine FFP2 è di 14 mila unità settimanali, mentre il numero di quelle in consegna è di 7.100 pezzi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento