rotate-mobile
Politica

Energia, l'Umbria punta sulle Comunità Energetiche formate da cittadini, condomini e imprese: ecco cosa sono e le bollette

L'assessore Morroni lancia incontro sul territorio per spiegare le possibilità e la svolta per l'auto produzione: dai condomini, ai borghi, ai quartieri potranno gestire impianti... ecco alcuni esempi

Diffondere sui territori dell'Umbria le Comunità Energetiche Rinnovabili, aggregando aziende, istituzioni e cittadini, per l'autoproduzione di energia finalizzata alla produzione e comunità sociali. Una nuova opportunità per arginare i costi e la carenza di energia dopo la grave crisi che da mesi sta colpendo tutta l'Europa. Il primo passo è quello di spiegare pregi, percorsi, obiettivi e modalità di attuazione nei comuni maggiori. Per questa è nata una collaborazione tra l'Assessore regionale all’Ambiente, Roberto Morroni e l'anci, la casa dei comuni, guidata Michele Toniaccini. QUESTO IL CALENDARIO DEGLI EVENTI IN PROGRAMMA: 7 novembre 2022 – Perugia, 14 novembre 2022 – Todi,. 16 novembre 2022 – Foligno, 28 novembre 2022 – Gubbio, 30 novembre 2022 – Amelia, 12 dicembre 2022 - Terni. 

“Una opportunità importante sotto il profilo della transizione ecologica e dello sviluppo sostenibile, in coerenza con l’idea di evoluzione economica che come Giunta regionale abbiamo tratteggiato per l’Umbria” ha spiegato Morroni “Con le Comunità energetiche rinnovabili sono i cittadini, le imprese e le pubbliche amministrazioni a rendersi protagonisti di un processo di autoproduzione energetica. Abbiamo, quindi, strutturato questi momenti di confronto in loco in modo da promuovere nelle nostre comunità la cultura rispetto alla tematica delle fonti rinnovabili di approvvigionamento energetico e sensibilizzare, in prima battuta, Sindaci e amministratori locali affinché possano farsi parte attiva per far nascere le CER nei loro territori”.

Ma che cos’è una comunità energetica? Con questo termine si intende un’associazione tra cittadini, attività commerciali, pubbliche amministrazioni locali o piccole e medie imprese che decidono di unire le proprie forze per dotarsi di uno o più impianti condivisi per la produzione e l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili.

Lo scopo di una comunità energetica non può essere il profitto: da qui la formula di associazione non riconosciuta o  cooperativa. L’area dove installare l’impianto (o gli impianti) di produzione deve essere in prossimità dei consumatori. Alcuni esempi: un condominio può installare un impianto fotovoltaico sul tetto e condividere l’energia prodotta tra tutti gli appartamenti che hanno scelto di far parte della comunità. Altri impianti possono essere al centro di produzione energetica per comunità di quartiere, comunità agricole, comunità di borgo. 

L’impianto di produzione di energia non deve necessariamente essere di proprietà della comunità: "può essere messo a disposizione da uno solo o più dei membri partecipanti o addirittura da un soggetto terzo. Il convenzionamento con Comuni o altri enti pubblici, affinché sostengano le spese di investimento per l’impianto, è per questa ragione una modalità spesso utilizzata".

Cosa cambia sulla bolletta? Ogni membro della comunità continua a pagare per intero la bolletta al proprio fornitore di energia elettrica, ma riceve periodicamente dalla comunità un importo per la condivisione dei benefici garantiti alla comunità dall'auto-produzione. Un compenso, non tassato, che equivale di fatto a una riduzione della bolletta. L'energia prodotta in più può essere accumulata. 

“Le Comunità energetiche rinnovabili – ha spiegato il Presidente di ANCI Umbria, Michele Toniaccini – possono dare nel medio periodo una risposta all’emergenza energetica che le nostre amministrazioni si sono trovate a dover fronteggiare in questo anno difficile. Occorre partire subito per diffondere le adeguate informazioni sul ruolo chiave che esse rivestono. Come ANCI, siamo molto soddisfatti della proficua sinergia che abbiamo instaurato con la Regione in questa direzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia, l'Umbria punta sulle Comunità Energetiche formate da cittadini, condomini e imprese: ecco cosa sono e le bollette

PerugiaToday è in caricamento